Super Bowl 2020, i 10 spot pubblicitari di auto più divertenti (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:14

Super Bowl 2020, i 10 spot pubblicitari di auto più divertenti trasmessi durante l’evento più importante dell’anno sportivo americano

Super Bowl 2020
Super Bowl 2020, i 10 spot pubblicitari di auto più divertenti (Foto: Getty)

Stanotte è andato in scena il Super Bowl 2020, uno degli eventi sportivi più importanti dell’anno. Tuttavia, la sua fama non è solo legata all’evento sportivo, ma anche a tutto ciò che lo circonda. Un vero spettacolo a 360°. Nei vari break la fanno da padrone le pubblicità, che costano milioni di dollari e vengono utilizzate dai marchi più importanti del mondo per aumentare la propria visibilità. Alcuni spot delle case automobilistiche sono già stati confermati per questa edizione, ma qui ci vogliamo concentrare sui 10 annunci più divertenti mandati in onda durante il Super Bowl nel corso degli ultimi anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spot Fiat, i migliori 10 dagli anni ’50 ad oggi – VIDEO

Star Wars e Volkswagen Force

È sicuramente uno dei più ricordati, con un mini Darth Vader che cerca di usare la Forza con tutti i tipi di elementi della sua casa e si abbatte per non riuscirci. Ma tutto cambia con un piccolo trucco di suo padre e il telecomando della sua Volkswagen Passat.

Sciacquati la bocca con il sapone

È un’espressione comune che viene usata quando qualcuno dice parolacce o imprecazioni, soprattutto se parliamo di bambini. Ecco perché in questo annuncio, vedendone così tanti direttamente con una pillola in bocca, ci siamo tutti chiesti quale fosse il motivo.

Hyundai e Kevin Hart

Avere qualcuno come Hart assicura già risate, ma Hyundai ha saputo ottenere ancora di più da esso promuovendo la sua funzione di trovare l’auto come uno strumento abbastanza utile per i genitori preoccupati per il primo appuntamento dei loro figli.

L’inseguimento più lungo della Toyota

La Toyota ha saputo ridere di chi prende in giro la Prius come un’auto che non è particolarmente veloce, trasformandola nel veicolo utilizzato per un inseguimento della polizia. Grazie al suo basso consumo è stato allungato fino alla fine dei tempi e ha trasformato i ladri in un fenomeno di livello globale.

Il robot di General Motors

Chi dice che le macchine non sognano? O, in questo caso, hanno incubi: il punto divertente di GM ha mostrato che uno dei suoi robot armati falliva nei suoi compiti, il che ha portato al licenziamento e una spirale di eventi che si è conclusa con un particolare “suicidio” giù da un ponte. Tutto per scoprire alla fine che era un sogno causato dall’ossessione del marchio di offrire una garanzia di 100.000 miglia.

Acura NSX di Seinfield

Ottenere il primo NSX moderno negli Stati Uniti è stato un compito impossibile per Seinfield, che spende l’intero annuncio cercando di corrompere il proprietario di quel primo posto con idee sempre più folli … solo per convincere Jay Leno a cogliere l’occasione.

Regina, pecora e Honda

Ad essere onesti, un sistema audio per il vano di carico di un pick-up non sembra essere un extra molto interessante (chi vorrebbe qualcosa del genere?), Ma la verità è che Honda ha saputo vendere il prodotto in modo esilarante.

“Rispondi a tutti”

Se hai mai spinto questo pulsante involontariamente facendo parte di una catena di posta elettronica, sai che può portare a un bel pasticcio. Bridgestone ha saputo sfruttare la situazione correndo come la gomma giusta per annullare quel casino.

Il confuso regalo di Chevrolet

Sei super entusiasta del regalo per la tua Laurea, ma se è una Chevrolet Camaro sei veramente al settimo cielo… peccato che sia stato tutto un malinteso.

Ryan Reynolds e Hyundai

Il marchio coreano non esita a collaborare con personalità rinomate per dare un tocco in più alle loro pubblicità, soprattutto da quando è diventato lo sponsor ufficiale dell’evento. Nel 2017 ha fantasticato su una città piena di Ryan Reynolds, mentre per il Super Bowl del 2020 ha optato per star di Boston come Chris Evans e John Krasinski.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alonso, la Honda gli “vieta” di partecipare alla 500 miglia di Indianapolis