Auto elettriche ma con batterie a noleggio: l’idea del produttore Nio

La Casa cinese Nio ha pensato ad una nuova opzione sulla vendita delle proprie auto elettriche che andrebbe a vantaggio dei clienti.

Auto elettriche
(Foto: Pixabay)

Una nuova interessante proposta arriva dalla Cina per il mercato delle auto elettriche. Il costruttore asiatico Nio ha infatti pensato al noleggio delle batterie. Nel dettaglio, il cliente, che deciderà di comprare uno dei modelli del marchio (ES8, ES6 o EC6), potrà decidere di ricorrere all’offerta “Battery as a service“. Si tratta di un servizio sulla vendita che non prevede il solito pacco batteria già montato, bensì offrirà la possibilità di affittarlo.

Questa particolare soluzione consentirà all’acquirente di vedersi diminuito di 70.000 yuan, pari a circa 8.530 euro, il prezzo di listino dell’auto. Opzione che costerà un canone mensile di 980 yuan, di poco inferiore a 120 euro, per noleggiare una batteria da 70 kW.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Auto elettriche, svolta su autonomia batterie: merito del litio amorfo

Auto elettriche, la soluzione alternativa sulle batterie di Nio: il progetto in collaborazione

Auto elettriche
(Foto: Pixabay)

Nio assieme a Catl, il colosso cinese delle batterie, e altre due aziende partner, hanno fondato la Battery Asset Company, con quote di partecipazione suddivise in modo equo. Questa compagnia provvederà ad acquistare le batterie che verranno poi noleggiate mediante il servizio “Battery as a service”.

Stando a quanto riportato da Repubblica, un altro punto di forza di Nio è costituito dalla gestione di 143 stazioni di cambio batteria in tutta la Cina, in cui gli automobilisti possono sostituire le celle con altre già cariche. Inoltre, la Casa asiatica starebbe costruendo un nuovo impianto a settimana nel Paese, per poi realizzarne 300 nel 2021. Una strategia sintomo di come stiano andando bene le questioni finanziarie al costruttore, in seguito alla crisi scaturita dalla pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Auto elettriche, mattoni come batterie: la scoperta dagli Stati Uniti