Superbike Portogallo, Rea vola a terra: Razgatlioglu in vetta

Nella prima gara al circuito dell’Algarve in Superbike Toprak Razgatlioglu approfitta di una brutta caduta di Jonathan Rea e aumenta il suo vantaggio in vetta al mondiale

Superbike Portogallo Razgatlioglu
Toprak Razgatlioglu, 45 punti di vantaggio nel mondiale (Getty Images)

Il momento culminante del GP Superbike del Portogallo, gara 1 è quando poco dopo la partenza, Jonathan Rea finisce a terra, una bruttissima caduta, una lunga scivolata a oltre 200 km/h. Potrebbe essere finita qui la corsa al mondiale del campione in carica.

Superbike Portogallo, la caduta di Rea

Sotto pressione in classifica, con Razgatlioglu al comando, ma soprattutto in pista, in una gara estremamente affollata al comando, Rea commette un errore alla curva tredici ed esce completamente aperto e con la manetta sul gas. La carambola è impressionante: il nordrilandese viene sfiorato dalla sua Kawasaki Ninja che si impenna e si schianta a terra sulla ghiaia andando in pezzi.

Rea scivola fino in fondo alla via di fuga. Poi si rialza, zoppica, e si fa accompagnare al centro medico per i controlli di routine. Fortunatamente tanta paura. Ma nulla di grave.

LEGGI ANCHE > Jonathan Rea tra Superbike e MotoGP: il pilota svela cosa farà nel 2022

Superbike Catalogna Redding
Scott Redding, secondo al traguardo, terzo nella classifica del mondiale (Getty Images)

Razgatlioglu vince, ordine d’arrivo e classifica

La caduta di Rea è egoisticamente la miglior notizia possibile per la Yamaha e Razgatlioglu che attende un paio di giri restando sulla coda di Redding, protagonista di una partenza eccellente. Poi, quando il turco prende il ritmo, la gara cambia di nuovo. E per Razgatlioglu il circuito dell’Algarve, estremamente favorevole alle caratteristiche della Yamaha ma anche a quelle personali del pilota, si prepara una lunga cavalcata trionfale che lo vede chiudere in controllo nonostante l’aggressività di un Redding eccellente. Bellissimo il duello tra i due nel corso degli ultimi cinque giri con tre sorpassi di Redding e altrettanti controsorpassi del turco.

Tra gli highlights della gara Locatelli che va lungo e spinge fuori Van der Mark che fuori dalla pista lo colpisce con una spinta: un brutto gesto che costerà una sanzione all’olandese

Alle spalle di Razgatlioglu e Redding c’è Baz che beffa Bautista che cade rovinosamente all’ultima curva. Poi Rinaldi seguito da Haslam e Gerloff. In classifica mondiale Razgatlioglu ha 45 punti di vantaggio su Rea, non abbastanza ma molti per guardare con un certo ottimismo al Mondiale. Domani gara #2: poi due sole tappe, in Argentina (16 e 17 ottobre) e Indonesia (20 e 21 novembre).