Toto Wolff torna ancora all’attacco: “Era un peso”

Wolff torna a parlare di Masi, ex direttore di gara in Formula 1 col quale non si riconcilierà mai probabilmente.

Sicuramente quando la FIA ha annunciato la mancata conferma di Michael Masi come race director in F1 la Mercedes ha esultato. Ma dopo il discusso finale del Gran Premio di Abu Dhabi 2021 era una scelta inevitabile.

Toto Wolff
Toto Wolff (Ansa Foto)

La Federazione Internazionale dell’Automobile in un’indagine approfondita su quanto avvenuto a Yas Marina ha appurato che il dirigente australiano ha agito in buona fede, ma l’errore c’è stato. Un errore che è costato il titolo mondiale a Lewis Hamilton.

Masi era stato oggetto di critiche anche prima di quel GP e la decisione di sostituirlo con Eduardo Freitas e Niels Wittich, che si alterneranno durante il Mondiale, è comprensibile. Al tempo stesso, però, andavano migliorate le regole e gli strumenti per giungere a delle decisioni corrette. La FIA ha agito in tale direzione e con le novità apportate neppure l’ex direttore di gara avrebbe sbagliato.

Mercedes F1, Wolff ancora contro Masi

Michael Masi
Michael Masi, ex direttore di gara in F1 (Ansa Foto)

Toto Wolff si era scagliato con veemenza contro Masi durante le comunicazioni radio del finale di gara di Abu Dhabi e anche successivamente ha rilasciato dichiarazioni critiche verso l’operato dell’australiano. Lui, Hamilton e tutta la Mercedes si sono sentiti derubati a Yas Marina.

Il manager austriaco in un’intervista concessa all’agenzia PA ha raccontato un retroscena avvenuto in quella settimana del GP finale del 2021: “Nel mercoledì prima della gara dissi a Masi che volevo che accogliesse le critiche al fine di migliorare. Non intendevo influenzarlo, ma fornirgli un feedback. Non doveva bollare le opinioni esterne come errate”.

Wolff ha aggiunto che l’ex direttore di gara non era esente da critiche neppure da parte dei piloti: “Alcuni hanno detto che sia stato quasi irrispettoso verso certi piloti durante i briefing. Era immune a qualsiasi riscontro e ancora oggi non ha riflettuto sull’aver fatto qualcosa di sbagliato”.

Il team principal della Mercedes ha accolto positivamente la decisione della FIA di non confermare Masi come race director: “Era un peso per lo sport, perché tutti continuavano a parlare di Abu Dhabi e del direttore di gara. È una figura della quale non si dovrebbe parlare, ma solo una che dovrebbe applicare i regolamenti”.

Impostazioni privacy