Primo volo per un Elicottero con carburante sostenibile: il progetto

Primo volo di un elicottero alimentato esclusivamente da carburante sostenibile per l’aviazione, che alimenta entrambi i motori Makila 2

Ha preso il volo il primo elicottero 100% sostenibile, alimentato da carburante green. Si tratta di un Airbus H225, che ha fatto il primo volo con uno speciale carburante specifico per l’aviazione, denominato Saf, che ha alimentato entrambi i motori Maklia 2 di Safran.

elicottero
Primo volo per l’elicottero 100% sostenibile: il progetto (press)

Questo volo segue quello di un H225 con un motore Makila 2 alimentato a SAF, che c’è stato a novembre del 2021. Il progetto rientra nell’ambito della programma di volo che punta a studiare e perfezionare in che modo questo carburante condiziona i sistemi dell’elicottero e incide sul funzionamento dei motori.  In futuro ci saranno altri test, che proseguiranno su altre tipologie di elicotteri.

Saranno messe in opera altre architetture di carburante e motori. L’obiettivo è certificare l’utilizzo del 100% di SAF entro il 2030. “Questo progetto con il SAF che alimenta i due propulsori dell’H225 è una vera e propria pietra miliare per l’aviazione elicotteristica. Parliamo di una nuova nel nostro cammino, che punta a certificare l’utilizzo del 100% di SAF nei nostri velivoli. Questa svolta potrebbe portare a una riduzione fino al 90% delle sole emissioni di CO2”.

Primo volo per l’elicottero 100% sostenibile: il progetto

elicottero
(press)

Queste le parole di Stefant Home, Executive Vice President, Engineering e Chief Technical Officer di Airbus Helicopters. L’utilizzo del SAF è uno dei cardini di Airbus Helicopters per toccare l’obiettivo di abbassare le emissioni di CO2 dei propri velivoli del 50% entro il 2030. Uno dei maggiori vantaggi dell’uso di questo nuovo carburante è che permette all’elicottero di ridurre al minimo l’impatto del carbonio confermando le stesse prestazioni di volo.

Secondo il report Waypoint 2050, l’utilizzo del SAF in aviazione consentirebbe di ridurre del 50-75% la produzione di CO2. Si potrebbe raggiungere la neutralità carbonica nel settore entro il 2050. Nonostante la produzione di Saf costituisca al momento solo lo 0,1% della produzione complessiva di carburante per l’aviazione, si mette in conto che questa cifra possa aumentare parecchio nei prossimi anni per soddisfare la crescente domanda di chi opera in questo settore, e che sono interessati a utilizzare il Saf.