Valentino Rossi, il pilota svela un retroscena: lo ha fatto davvero

Valentino Rossi non è solo un maestro, ma anche un amico. Un suo allievo rivela il suo importante contributo.

Il 2022 è stato l’anno peggiore in classe regina per Franco Morbidelli. Solo due top 10, 19° posto finale, un Mondiale sempre nelle retrovie e in difficoltà con la Yamaha M1. Non è mai riuscito a instaurare un buon feeling con la moto, adattare lo stile di guida non è facile. Eppure nel 2020, con una M1 non ufficiale, per un soffio non centrava la conquista del titolo iridato. Anche il suo compagno di marca Andrea Dovizioso ha riscontrato problemi, tanto da ritirarsi a metà stagione.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Ansa)

Un 2022 tosto e complicato, ma con un finale dove ha intravisto spiragli di luce. E da quel punto il pilota della Monster Energy Yamaha vuole ripartire. A tenere alto il morale ha contribuito anche il suo compagno di squadra Fabio Quartararo, che ha dimostrato di poter lottare per il primo posto con questa moto, nonostante i tanti problemi tecnici. Ora saranno gli ingegneri a dovergli dare le risposte, “al resto pensano gli amici, le persone che ho al mio fianco, sono tutti di grande aiuto“.

Morbidelli e il contratto in scadenza

Franco Morbidelli Automotorinews 18-01-2023
Franco Morbidelli (foto Ansa)

L’infortunio è solo un ricordo, adesso le sue condizioni fisiche sono ottime. Dal 10 al 12 febbraio potrà finalmente testare la moto 2023, dopo un primo assaggio a Valencia lo scorso 8 novembre. “Ho molta fiducia nello sviluppo invernale. Gli ingegneri e i tecnici devono migliorare diversi aspetti della moto, senza stravolgerla: penso per esempio alla velocità di punta“. Durante l’anno 2022 c’erano stati buoni riscontri in termini di potenza, ma a Valencia qualcosa non ha funzionato durante l’ultimo test.

Molto dipenderà anche dal suo stile di guida che dovrà essere più aggressivo, un po’ in stile Quartararo. In questo momento così delicato a stargli vicino è anche il suo mentore Valentino Rossi: “Lo sentivo spesso durante il weekend, mi incoraggiava quando andavo meglio. Ovviamente era un po’ più abbacchiato quando andavo male, però mi è stato vicino con l’animo“, ha raccontato a Motosprint.

Con un contratto in scadenza a fine dicembre Franco Morbidelli, inevitabilmente, sente un po’ di fiato sul collo. Da tempo circolano voci che la Casa di Iwata stia pensando a Toprak Razgatlioglu come suo sostituto per la stagione 2024… “Non credo ci sia mai stato il pericolo reale che Toprak venisse al mio posto. Non mi è mai stato fatto presente da nessuno. Sicuramente è il desiderio di alcuni fans della Yamaha… È un sentimento comprensibile“. Intanto a riportare il titolo MotoGP in Italia ci ha pensato il suo collega di Academy Pecco Bagnaia… Con la speranza che un giorno possa eguagliarlo.

Impostazioni privacy