Horner, l’ammissione sul pilota: “Siamo rimasti sorpresi”

Christian Horner torna a parlare del ritorno di Daniel Ricciardo in Red Bull: che sviluppi ci saranno in futuro?

La Red Bull almeno fino al 2024 avrà la coppia Verstappen-Perez, poi vedremo se il messicano verrà ulteriormente confermato. Il due volte campione del mondo di F1, invece, ha un contratto che scade nel 2028.

Chris Horner
Chris Horner, team principal Red Bull F1 – Automotorinews.it

Anche se il rapporto tra loro non è idilliaco, comunque hanno svolto un buon lavoro per consentire alla scuderia di vincere anche il titolo costruttori nel 2022. Il pilota di Guadalajara ha fatto un grande miglioramento rispetto al campionato precedente e ha perso la seconda posizione nella classifica piloti per pochi punti.

Charles Leclerc della Ferrari lo ha beffato all’ultima gara ad Abu Dhabi. Perez nel 2023 cercherà di essere al livello di Verstappen, cosa complicatissima, ma lui crede di potersi giocare il mondiale. Spera di essere all’altezza.

Red Bull F1, Horner e il ritorno di Ricciardo

La Red Bull ha ingaggiato Daniel Ricciardo come terzo pilota e c’è chi ha visto questa mossa come un modo per mettere ulteriore pressione a Checo. Qualcuno ha anche ipotizzato che possa prendere il suo posto, se il messicano non dovesse convincere. Ma c’è un contratto fino al 2024 e non dovrebbe esserci pericolo per lui.

Daniel Ricciardo
Daniel Ricciardo, terzo pilota Red Bull F1 – Automotorinews.it

Christian Horner in un’intervista concessa al sito ufficiale della Formula 1 è tornato a commentare il rientro di Ricciardo in squadra: “Siamo rimasti sorpresi di vedere Daniel sul mercato. Per noi aveva senso riportarlo a casa, avendolo allevato fin da quando era un junior. È un pilota con tanta esperienza e di alto profilo“.

Il team principal della Red Bull è contento di averlo di nuovo e nega che vi sia la possibilità di un ritorno da driver titolare per l’australiano: “Penso che si sia disamorato della F1. Ha avuto delle stagioni davvero difficili. Aveva senso per noi prenderlo come terzo pilota e spero riscopra la sua passione. Non abbiamo in programma di utilizzarlo se non in quel ruolo, combinando anche la attività commerciali che svolgerà“.

Per Ricciardo è previsto del lavoro al simulatore, l’impiego come pilota di riserva e anche in alcuni test Pirelli. Ovviamente, sarà protagonista anche ad eventi commerciali della Red Bull.