Quanto inquina realmente un’auto elettrica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:36
Quanto inquina realmente un’auto elettrica
Quanto inquina realmente un’auto elettrica (Foto: ZeroEmission.eu)

Quanto inquina realmente un’auto elettrica.

Mercedes-Benz stima che durante la produzione del suo QEQ vengano emesse 16,4 tonnellate di CO2; mentre se per tutto il suo ciclo di vita le batterie vengono caricate con la combinazione di fonti energetiche dell’UE, si aggiungono altre 16 tonnellate. L’uso di sole fonti rinnovabili ridurrebbe questo secondo articolo a solo 0,6 tonnellate.

Il dibattito su quanto un’auto elettrica inquina davvero è aperto da anni. L’Europa, Italia compresa, hanno optato per questo tipo di veicolo come un modo più rapido ed efficiente per ridurre le emissioni dei trasporti, sulla strada degli obiettivi di decarbonizzazione siglati nell’accordo di Parigi.

Tuttavia, sebbene siano considerate come auto a emissioni zero, non lo sono affatto. La domanda, tuttavia, è quanto inquinano? Gli studi a questo proposito sono numerosi e abbondanti, con risultati che variano in modo significativo a seconda dell’autonomia dell’auto scelta – maggiore è l’autonomia, più l’auto è inquinante – il mix energetico del Paese in cui viene ricaricata e i chilometri con cui può essere far funzionare le batterie prima di essere sostituite. Ora, Mercedes-Benz ha rilasciato nuove informazioni, offrendo un calcolo dettagliato basato sul suo modello EQC, che approva 400 chilometri di autonomia.

Mercedes Benz EQC
Mercedes Benz EQC (Foto: MercedesBenz)

Questo modello ha appena superato un test ambientale a 360 °, i cui risultati sono stati accuratamente verificati da TÜV Süd. Questo test ambientale misura l’equilibrio ecologico dell’auto, esaminando il suo impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita, dall’estrazione delle materie prime, attraverso la produzione e l’uso fino all’eventuale smaltimento. Lo stesso produttore sottolinea che il mix di fonti energetiche nell’uso operativo del veicolo svolge un ruolo decisivo nel suo bilancio di CO2. Ad esempio, in media in un paese europeo le emissioni sono comprese tra 40 e 50 grammi di CO2 per chilometro; rispetto ai 118 che, in media, emettono nuove auto. A questo dobbiamo aggiungere sia l’inquinamento generato durante la costruzione dell’auto, sia le sue batterie, come prodotto durante il suo riciclaggio

Mercedes-Benz ha effettuato regolarmente il cosiddetto test ambientale dal 2005, che tiene conto di tutti gli aspetti relativi alla sostenibilità. I calcoli effettuati si basano su un chilometraggio compreso tra 150.000 e 300.000 chilometri, a seconda del segmento. Nel caso dell’EQC, sono 200.000 chilometri. Durante il loro utilizzo, a seconda della loro fonte di energia, i veicoli elettrici possono compensare le maggiori emissioni di CO2 che generano durante la loro produzione. Se viene ricaricato solo con energia da fonti rinnovabili, le emissioni di CO2 di un elettrico durante il suo ciclo di vita si riducono fino al 70% rispetto a quelle dei veicoli con motori a combustione.

Nelle stesse condizioni, durante la produzione di un veicolo elettrico viene generata più CO2 che in un veicolo convenzionale, poiché la produzione di celle a batteria, in particolare, richiede una grande quantità di energia. Ciò rende ancora più importante ottenere energia neutra nelle emissioni di CO2 per la produzione futura. Mercedes-Benz prevede già di raggiungere questo obiettivo dal 2022. L’energia verde dei parchi eolici dovrebbe essere utilizzata, ad esempio, per la produzione di EQC nello stabilimento Mercedes-Benz di Brema e per la produzione di batterie in fabbrica.
Presso il Customer Center di Brema, l’EQC viene anche caricato con energia solare prima della consegna ai clienti che ritirano i loro veicoli.

Circa il 51% delle emissioni di CO2 durante l’intero ciclo di vita di un’auto elettrica si verifica durante la fase di produzione, principalmente a causa della complessità della produzione di batterie. Il restante 49%, più o meno, è rappresentato nella fase di utilizzo, quindi la fonte da cui viene ottenuta l’energia è decisiva, sia in fase di produzione che in fase di utilizzo. In questo senso, Mercedes-Benz insiste sul fatto che mira a ottenere una produzione neutrale di CO2 nei suoi impianti europei dal 2022.

Durante la fase operativa, il conducente può persino influenzare l’aspetto ecologico del veicolo, a seconda della fonte di energia utilizzata per la ricarica.

In questo modo, il bilancio ecologico e in particolare il bilancio della CO2 variano quando si esamina l’intero ciclo di vita dell’EQC Mercedes-Benz con un chilometraggio di 200.000 chilometri. Allo stato attuale, 16,4 tonnellate di CO2 vengono emesse durante la sua produzione. Se durante tutto il suo ciclo di vita le batterie vengono caricate con la combinazione di fonti di energia dell’UE, si aggiungono altre 16 tonnellate. In totale, la quantità di CO2 emessa è di 32,4 tonnellate. Tuttavia, se l’energia per la ricarica viene ottenuta da fonti rinnovabili, vengono generate solo ulteriori 0,7 tonnellate di CO2 durante l’intero ciclo di vita (produzione, consumo energetico operativo e fine vita). In questo modo, le emissioni totali di CO2 sarebbero 17,1 tonnellate di CO2. Utilizzando energia pulita per caricare le batterie, l’impronta di CO2 dell’EQC può essere ridotta della metà.

D’altro canto, l’efficienza della produzione di energia aumenta quando si utilizzano fonti rinnovabili. In questo modo, l’utilizzo di questo tipo di fonti durante la fase di utilizzo del veicolo riduce il bilancio energetico complessivo dell’EQC da 722 a 478 gigajoule, ovvero un risparmio energetico di circa il 34%.