Prove su strada, ecco la nuova Toyota C-HR 2.0: un ibrido da oltre 180 CV

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:16

Prove su strada, ecco la nuova Toyota C-HR 2.0: il nuovo ibrido del marchio giapponese, in grado di sviluppare la bellezza di oltre 180 CV

Toyota C-HR 2.0
Prove su strada, ecco la nuova Toyota C-HR 2.0: un ibrido da oltre 180 CV (Foto: Getty)

La nuova Toyota C-HR 2020 è il risultato del profondo restyling che l’azienda giapponese ha applicato al SUV ibrido che ha raccolto così grande successo sul mercato.
La società giapponese ha appena svelato il suo ultimo modello della serie, applicando una serie di migliorie al SUV approdato sul mercato nel 2016, e diventato uno dei pilastri fondamentali delle vendite del marchio in Europa. Le novità riguardano sia il livello di design, che la parte di tecnologia e motori, per continuare a primeggiare nel proprio settore.

La principale novità che integra la Toyota C-HR è l’arrivo della seconda motorizzazione ibrida non plug-in, il motore a benzina da 2,0 litri collegato a un’elica elettrica con una potenza combinata di 184 CV. Questa seconda unità si aggiunge all’unico motore che fino ad ora ha commercializzato il modello, 1,8 da 122 CV che condivide con altri prodotti dell’azienda, come la Corolla o la Prius.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Toyota Corolla GR-Sport: nuovo design e 184 CV di potenza

Nuova Toyota C-HR 2.0, un ibrido da 184 CV

Toyota C-HR 2.0
Nuova Toyota C-HR 2.0, l’ibrido da 184 CV (Foto: Getty)

Oltre all’introduzione di questo nuovo motore, la versione con l’elica ibrida da 2,0 litri integra un nuovo design delle sospensioni che migliora il comfort di marcia preservando le capacità di guida della C-HR, secondo le intenzioni Toyota. Entrambi i modelli ricevono anche un indirizzo corretto e un aggiornamento completo in NVH (rumore e vibrazioni) che riducono il livello di rumore percepibile nell’abitacolo.

D’altra parte, il motore ibrido 2.0 da 184 V genera emissioni di CO2 di 118 gr/km, mentre il motore ibrido 1.8 registra 109 gr/km.

Oltre all’arrivo del nuovo motore, la Toyota C-HR 2020 beneficia di un gruppo ottico a LED completamente nuovo con luci di marcia diurna e lampeggiatori a LED combinati sulla stessa linea. Un piccola fascia di colore della carena è stato integrata anche nella parte inferiore, così come un’ala posteriore e un gruppo ottico posteriore completamente a LED con una nuova firma luminosa.

All’interno, la principale novità di C-HR 2020 è l’incorporazione del sistema di informazione e intrattenimento di ultima generazione, che ora offre la compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay. È anche in grado di ricevere aggiornamenti online che consentiranno ai conducenti di godere delle ultime versioni delle mappe stradali europee.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tre differenze tra un’auto ibrida e un’auto a idrogeno

Prove su strada, Toyota C-HR 2.0: un vero successo commerciale

Toyota
Toyota C-HR 2.0, un vero successo commerciale (Foto: Getty)

Il modello Toyota C-HR è approdato sul mercato dopo la prima presentazione al Motor Show di Ginevra 2016. In precedenza, la società giapponese aveva rivelato una serie di concept car che si stavano avvicinando alla versione di produzione finale in ogni evoluzione, al Motor Show di Parigi 2014 (Toyota C-HR Concept) e al Motor Show di Francoforte 2015 (Toyota C-HR Hybrid Concept).

Secondo il marchio, il nome C-HR deriva dall’acronimo “Cool Hybrid Revolution” e giustifica quindi il design audace e innovativo dell’ultimo SUV ibrido introdotto. Si distingue per le sue forme angolari, la sua presenza prominente e un audace posteriore con uno spoiler superiore, fari dal design unico e le maniglie delle portiere posteriori integrate nelle maniglie delle porte. Allo stesso tempo, la C-HR ha introdotto il nuovo linguaggio di design di Toyota, sia esterno che interno, qualcosa che ha influenzato i prodotti che sono stati successivamente prodotti.

Durante la sua commercializzazione, la Toyota C-HR ha conosciuto alcune edizioni speciali, evidenziando in questo caso l’ultima introdotta sul mercato nel maggio di quest’anno, la C-HR Limited Edition. Attrae ancora più attenzione grazie al suo colore esterno Wasabi Yellow e un’attrezzatura standard completa che Toyota ha deciso di commercializzare in una serie limitata di sole 150 unità.

La sua immagine e la sua configurazione (SUV ibrido) hanno reso la C-HR un best seller per Toyota.

I rivali della Toyota C-HR 2.0 sul mercato

Rivali della Toyota C-HR 2.0
Le rivali della Toyota C-HR 2.0 sul mercato (Foto: Getty)

La Toyota C-HR, per le sue caratteristiche, deve affrontare una lunga lista di rivali con cui competere ogni giorno nel segmento SUV e crossover. Tra i suoi avversari più forti ci sono la Kia Niro e la Hyundai Kona Hybrid. Sebbene questi competano sia per il telio che per il sistema di propulsione, il C-HR ha anche una forte concorrenza in segmenti più tradizionali.

Ad esempio si trova a scontrarsi con macchine del calibro della Citroën C4 Cactus, Honda HR-V, Kia Stonic, Mazda CX-3, Nissan Juke, Opel Mokka X, Peugeot 2008, Renault Captur, Seat Arona, Skoda Kamiq e Volkswagen T-Roc. La C-HR compete in uno dei segmenti più popolati del mercato, dove il suo sistema di propulsione ibrido non è sufficiente per distinguersi dalla massa.