Formula 1, arrivata la decisione ufficiale sul GP del Bahrain

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
81

Arrivata poco fa la decisione ufficiale relativa al GP del Bahrain di Formula 1: si terrà regolarmente, ma rigorosamente a porte chiuse 

gp bahrain porte chiuse formula 1
Arriva la decisione ufficiale sul Gran Premio del Bahrain: verrà disputato a porte chiuse (Getty Images)

A causa del Coronavirus, tantissimi eventi sportivi e non stanno subendo importantissime modifiche, venendo posticipati o addirittura sospesi. Anche i mondiali di motociclismo e automobilismo stanno subendo la medesima sorte, e il futuro resta ancora parecchio incerto. Per quanto riguarda la Formula 1, è notizia di pochi minuti fa la decisione ufficiale sul secondo GP in programma il 22 marzo in Bahrain: si terrà regolarmente, ma l’evento sarà a porte chiuse. Il numero di contagi nel territorio arabo è salito già a 83 persone, e la vicinanza all’Iran (quarto Paese per numero di casi da Coronavirus al mondo) potrebbe far velocemente peggiorare la situazione, portando a numeri ben più preoccupanti. Come spiegato poco fa dal principe Salman bin Hamad: “con ricorrenze del genere, non sarebbe possibile far sì che tutti i presenti mantengano le distanze di sicurezza“, annunciando perciò le porte chiuse.

LEGGI ANCHE >>> Industria automobilistica, quali sono le donne con più potere

Formula 1, le decisioni sul GP del Bahrain e di Melbourne

gp bahrain decisione porte chiuse formula 1
Il GP d’esordio a Melbourne verrà disputato regolarmente (Getty Images)

Se per il GP del Bahrain la decisione di disputare la gara a porte chiuse è stata ritenuta obbligatoria, non vale la stessa cosa per quanto riguarda l’Australia. Il prossimo 15 marzo, infatti, è in programma la gara d’apertura dell’edizione 2020 della Formula 1. A Melbourne, come già ampiamente spiegato dal comitato organizzatore, non ci sono per il momento problemi di alcun tipo dal punto di vista sanitario. Prendere decisioni troppo drastiche (come sospendere l’evento o disputarlo a porte chiuse) sarebbe quindi inutile, e precluderebbe a decine di migliaia di tifosi di godere di un evento unico. I team delle varie scuderie partecipanti sono già partiti direzione Australia, in modo da preparare al meglio il primo appuntamento con la nuova stagione del mondiale automobilistico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, l’esperienza in concessionaria diventa virtuale