Virus Alert: Alto rischio di STOP raccolta rifiuti in tutta Italia!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
94

I lavori relativi all’igiene ambientale e gestione rifiuti rischiano di bloccarsi in diverse aree del paese!

Virus Alert
Virus Alert: Alto rischio di STOP raccolta rifiuti in tutta Italia! (Foto: Youtube)

Virus Alert: L’Italia è di fronte ad un grandissimo rischio che potrebbe riguardare molti comuni della penisola, se nelle prossime ore non saranno garantite attrezzature di sanificazione e protezioni individuali (che al momento sono irreperibili sul mercato) al personale che si occupa della raccolta e smaltimento rifiuti, ci sarà un brusco stop nell’attività lavorativa.

Il campanello d’allarme è stato fatto suonare da Confindustria Cisambiente, l’organo che raggruppa tutte le imprese del settore ecologico, dell’igiene ambientale e dell’ energia rinnovabile da rifiuto, che si è detta sbigottita per essere stata dimenticata nel decreto cura Italia.

Essenziale è che la raccolta e lo smaltimento rifiuti non si fermino, sapendo bene quali potrebbero essere i rischi nel non raccoglierli, per questo si richiede urgentemente l’intervento del governo, specialmente in questo periodo di emergenza causa Covid-19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Coronavirus, circolazione senza motivo: a rischio sequestro auto

Virus Alert: I nostri lavoratori non devono lavorare rischiando la propria incolumità

Virus Alert
Raccolta rifiuti, servono urgentemente mascherine e attrezzature protettive per gli operatori ecologici! (Foto: Youtube)

Confindustria Cisambiente invia inoltre ringraziamenti a tutti i lavoratori del settore:

” A tutti i lavoratori del nostro comparto essenziali e imprescindibili per il paese al pari dei servizi sanitari, va il nostro doveroso ringraziamento per professionalità e abnegazione, anche se le aziende e i sindacati si sono impegnati con i lavoratori, rimane alto il rischio di possibili interruzioni del servizio a partire dalle prossime ore”

Principalmente l’associazione richiede al governo di poter assicurare un rifornimento adeguato di dispositivi di sicurezza alle imprese del settore, e in questa fase di emergenza, di valutare misure fiscali sui dispositivi di protezione individuali come ad esempio IVA agevolata al 4% per i dispositivi di sicurezza, e la possibilità di detrarre i costi relativi.

Senza la garanzia di adeguati rifornimenti per la sicurezza, le imprese non potranno garantire il servizio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Covid-19: Lettera di un commerciante al presidente Conte