Giacomo Agostini sprona la sua Bergamo: “Non molleremo mai”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

Non è facile essere un vincente come Giacomo Agostini e mantenere l’umiltà per potere giudicare campioni di grande talento e che forse ai suoi tempi avrebbero potuto dargli del filo da torcere.

 

Oggi Giacomo Agostini è un signore di 77 anni con la curiosità di un ragazzino che lavora in televisione e commenta con garbo ed eleganza, senza mai sputare sentenze e dimostrando che la classe non è acqua e nemmeno si compra a trance sul mercato.

LEGGI ANCHE > Mascherine alla guida, la nota “definitiva” della Regione Lombardia

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini in una foto scattata lo scorso ottobre sul circuito di Phillip Island, Australia. (Getty Images)

Essere Giacomo Agostini

Giacomo Agostini è, e con ogni probabilità è destinato a restare, il motociclista più vincente della storia. Quando correva lui, molto spesso, i rider gareggiavano addirittura su tutte e tre le categorie, 125, 250 e 500 cc. Nessun altro ha vinto tanto quanto lui, Oggi, anche per via non solo della sua esperienza ma della sua umiltà e predisposizione al dialogo è uno dei commentatori più amati dai fan delle due ruote.

Agostini è nato a Brescia ma vive da anni a Bergamo, in una delle zone più colpite dal coronavirus e la sua testimonianza è diretta e drammatica: “Qui a Bergamo La situazione è molto difficile, è tutto molto duro perché ogni notte non facciamo altro che sentire il suono delle sirene delle ambulanze che mettono i brividi e le colonne di camion che si spostano su e giù per la città portando via le bare. Non avremmo mai pensato nel 2020 di trovarci in una situazione del genere. È tutto davvero molto triste e drammatico”.

LEGGI ANCHE > Il garage di Brian Johnson, il cantante degli AC-DC

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini nel paddock della Yamaha (Getty Images)

Rinviare e sperare nel ritorno alla normalità

Anche il Motomondiale è fermo ma il problema non è capire quando si tornerà a fare sport quanto piuttosto il se e il come: “L’unica soluzione che si è potuto prendere è stata quella di rimandare, rimandare di continuo in attesa di poter ripartire. Ma è evidente che ora ci sono enormi problemi organizzativi e soprattutto non stiamo parlando solo del motociclismo ma di tanti, tantissimi sport e di una gran quantità di eventi. Impossibile pensare di riuscire a concentrare tutto nel corso di poche settimane”.

Come se ne esce, individualmente e tutti insieme…?  “Tutti prima o poi ci troviamo ad affrontare momenti difficili nel corso della nostra esistenza. Il modo in cui li superiamo è ciò che ci definisce maggiormente . Ognuno deve trovare la forza in se stesso, nella propria famiglia, nelle persone care che lo circondano. L’importante in questo momento e non mollare, servono fiducia, speranza e quell’istinto di sopravvivenza che nei momenti di difficoltà ci distingue sempre. Alla mia Bergamo dico “Teniamo duro, rispettiamo le regole, stiamo in casa e finalmente forse potremo uscire e non dico festeggiare perché questa è una situazione drammatica al termine della quale saremo tutti più soli e più poveri ma potremmo se non altro celebrare il fatto di essere vivi e di avere imparato una volta di più qualcosa sul senso di questa nostra esistenza”.

LEGGI ANCHE > Rinviata la Mille Miglia che sarà dedicata ai medici eroi del coronavirus

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini accanto a una delle “sue” MV Agusta (Getty Images)

“Marquez egoista, con me anche Valentino perderebbe”

Giacomo Agostini ha chiuso la carriera con 15 titoli iridati e 122 vittorie. Marque è a quota 8-82 e forse potrebbe raggiungerlo. Valentino è fermo a 9 mondiali e 115 gran premi vinti, pochi meno dei suoi: “Mi chiedo spesso come sarebbe stata la mia carriera con le moto di oggi, se contro fenomeni come Valentino o Marquez avrei vinto così tanto” – dice Agostini.

“Penso che anche loro sarebbero curiosi di capire come si sarebbero comportate con le moto con le quali si correva ai miei tempi, con meno tecnologia e zero elettronica. Marquez sicuramente è un pilota egoista, come lo ero io ai miei tempi. Volevo vincere e non guardavo in faccia a nessuno. Valentino è un fuoriclasse di talento indiscutibile ma sono certo che se ci ritrovassimo insieme, a parità di carta d’identità e di moto sulla stessa pista, vincerei io”.