Trovato Ciao rubato dopo 30 anni: scoperta dei carabinieri sul proprietario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:56

Davvero singolare il destino di un “Ciao”, uno dei modelli di motorino più in voga negli anni ’80 e ’90. Uno di questi era stato rubato più di 30 anni fa e ritrovato solo ora dai carabinieri, ma la scoperta sul legittimo proprietario è stata decisamente amara.

Ciao rubato
Foto: Getty Images

Mai perdere la speranza. Questo potrebbe essere il motto che può accompagnare il destino di un Ciao, uno dei modelli di motorino più in voga negli anni ’80 e ’90, ambitissimo dai giovani dell’epoca al compimento dei 14 anni di età e considerato un primo segno di libertà. Il mezzo era stato infatti sottratto al suo legittimo proprietario nel 1988, ma la tenacia dei carabinieri ha permesso di arrivare a un epilogo felice, anche se il sapore della beffa non manca.

Le forze dell’ordine sono così riuscite a risalire a un cittadino albanese di 42 anni, denunciato per ricettazione. Determinanti si sono rivelate le verifiche su un incidente stradale avvenuto a maggio nel comune di Villa Verucchio. In quell’occasione l’uomo aveva riscontrato piccole contusioni, al punto tale da richiedere il supporto dei medici del pronto soccorso più vicino. L’impatto non era stato comunque da sottovalutare, al punto tale da portare a una prognosi di 20 giorni.

Carabinieri
(Djedj – Pixabay)

Potrebbe interessarti – Moto parcheggiata sul marciapiede, rischio multa: cosa prevede la legge

Ciao rubato e ritrovato – Una beffa per il proprietario

Dalle prime veriiche degli agenti il motorino era risultato senza targa e documenti di proprietà. Questo ha ovviamente spinto i carabinieri ad approfondire ulteriormente la situazione fino ad arrivare a una scoperta sconvolgente: quel Ciao era stato rubato ormai più di 30 anni prima, ma per il legittimo proprietario impossibile rivederlo. Lui, infatti, nel frattempo è deceduto. ormai da qualche anno.

Il mezzo è stato comunque riconsegnato, anche se purtroppo solamente al fratello di chi lo utilizzava un tempo. Le conseguenze per l’albanese sono state comunque tutt’altro che leggere: è scattata la denuncia per ricettazione e guida in stato di ebrezza alcolica, oltre alla sanzione amministrativa, doverosa per il mancato utilizzo del casco alla guida.

Potrebbe interessarti – Napoli, motorino rubato durante la festa per la Coppa Italia: il video shock