“Valentino Rossi, voglio batterti”, l’allievo “avvisa” il Maestro per il 2021

Valentino Rossi sarà un pilota Petronas Yamaha dal 2021 e l’allievo, nonché futuro compagno di squadra, gli ha subito lanciato la sfida.

Valentino Rossi
(Foto: Getty)

Il Morbido non ha paura della rivalità con il nove volte campione mondiale. Il pilota italo-brasiliano è entusiasta di poter lavorare a fianco del suo “maestro“, dicendosi pronto a lottare contro Rossi, ma altresì grato per l’opportunità che il Dottore gli ha concesso facendolo entrare nella Academy VR46.

Una scuola che si è confermata essere abile nello sfornare talenti delle due ruote, come dimostrano i notevoli risultati che stanno ottenendo gli allievi Bagnaia e Morbidelli in MotoGP, oltre a Luca Marini, sempre più primo in Moto2.

Uno scenario, quello di ritrovarsi compagni di squadra con l’amico, nemmeno lontanamente immaginabile da Valentino Rossi, che così ha commentato il suo passaggio in Petronas: “Se 5 anni fa ci avessero detto che saremmo diventati compagni di squadra, non ci avrei creduto“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> “Franco Morbidelli? Sottovalutato”, il team principal esalta l’azzurro

Franco Morbidelli non vede l’ora di avere Valentino Rossi in squadra

Franco Morbidelli Valentino Rossi
(Foto: Getty)

Dal 2021 quindi si accenderà la sfida, con Morbidelli pronto a combattere con il proprio mentore: “Non vedo l’ora di lottare con lui. Quando lotto con lui in pista è una sensazione particolare. Lo fai sorridendo, ed è una cosa completamente diversa rispetto a quando lo fai con altri“.

Duelli con il pluricampione di Tavullia dal sapore speciale, ha dichiarato il suo prossimo compagno di box in un’intervista a Motorsport: “Spesso mi ritrovo a sorridere quando combatto contro Valentino. Spero di riavere molti momenti così anche l’anno prossimo“.

Felicità nello sfidare Rossi che però non gli impedirà di provare a batterlo: “Non voglio fargli vedere cosa ho imparato, non penso a questo. Voglio soltanto mettere le mie gomme davanti alle sue. Anche per dimostrargli che ha fatto bene a credere in me quando ero soltanto un ragazzino in Superstock“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Valentino Rossi non si può sostituire”: l’;elogio del possibile erede