MotoGP, Marquez pronto al rientro: la “promessa” del campione iberico

MotoGP, Marquez pronto al rientro: la “promessa” del campione iberico. L’otto volte iridato ha parlato del suo stato di salute ad una trasmissione Tv spagnola

Marquez
MotoGP, Marquez pronto al rientro: “Presto sarò a 350 km/h” (Foto: Getty)

E’ un periodo particolarmente caldo in casa Marquez. In attesa di riabbracciare Marc nel paddock, la Honda si coccola Alex, finalmente all’altezza delle aspettative nell’ultimo week end di Le Mans. Un secondo posto sul bagnato che ha mostrato il reale potenziale del due volte campione del mondo, troppo spesso oscurato dalla grandezza del fratello. L’iridato della Moto2 è arrivato persino ad insidiare Petrucci nelle ultime curve del circuito Bugatti, ma nulla ha potuto contro la Ducati numero 9, in giornata di grazia. Dopo la bandiera a scacchi ha avuto anche modo di togliersi qualche sassolino dalla scarpa, dopo i mesi difficili trascorsi ad inizio stagione. “So perchè sono arrivato nel team Repsol. Ho vinto due mondiali e non sono qui per caso. Devo ammettere che all’inizio ho fatto fatica ad adattarmi, ma sono sempre stato così, un diesel. Sono lento ad ingranare!“.

Ben venga l’attesa avranno pensato i vertici giapponesi se poi sono questi i risultati. Un passaggio poi lo ha dedicato anche a Marc, subito dopo la festa del podio. “Per il suo rientro ci siamo quasi. alcuni giorni sembra che stia davvero bene, pronto a scendere in pista. In altri il braccio gli fa ancora male e pensi che non correrà più nel 2020. Ci vuole cautela nelle valutazioni ma di sicuro questa settimana sarà decisiva per la decisione ufficiale”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP Le Mans, Alex Marquez e il primo podio: “Marc felice per me”

MotoGP, Marc Marquez è quasi pronto a tornare: “Presto sarò di nuovo a 350 km/h”

Marc Marquez
MotoGP, Marc Marquez pronto al rientro: “Presto a 350 km/h” (Foto: Getty)

Marc Marquez si è infortunato lo scorso 19 luglio durante la gara inaugurale della stagione a Jerez de la Frontera. Una brutta frattura all’omero aggravata dal suo ritorno repentino la settimana successiva. Il secondo round gli è stato fatale con la rottura della placca installata nell’omero e la necessità di ricorrere ad una nuova operazione. Mondiale sfumato e riabilitazione lunga per consentire al braccio destro di guarire completamente. Ora nessuna fretta per il ritorno e massima precauzione nel recupero, in vista di un 2021 che dovrà vederlo protagonista. L’idea iniziale era quella di essere presente ad Aragon il prossimo week end per riprendere in mano la sua Honda RC213V, ma nelle ultime ore sta diventando sempre più probabile uno slittamento a Valencia. Ancora qualche giorno di pazienza per non correre rischi.

Manca comunque davvero poco come confermato dal diretto interessato in un’intervista ad una trasmissione Tv spagnola.

Mi sto riprendendo. Ora sono più vicino a provare di nuovo quella sensazione di correre a 350 km all’ora. Purtroppo le cadute e gli infortuni fanno parte del nostro mestiere“.

Ancora una piccola attesa quindi e finalmente il paddock potrà riabbracciare il suo Re.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> MotoGP, Petrucci festeggia Le Mans con una telefonata speciale – Video