Formula 1, Mercedes come il Bayern Monaco: Kaellenius allontana l’addio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:01
9

Ola Kaellenius, presidente del gruppo Daimler, smentisce che Mercedes abbia l’intenzione di dire addio alla Formula 1 nei prossimi anni.

Ola Kaellenius presidente Mercedes
Ola Kaellenius (Getty Images)

Nonostante i rumors abbastanza frequenti, la Mercedes per il momento non ha alcuna intenzione di abbandonare la Formula 1. Non è sazia di vittorie, pur avendo letteralmente dominato dall’inizio dell’era ibrida in poi.

È vero che la casa di Stoccarda vorrebbe diminuire i propri costi sostenuti, però non ha in programma di dire addio alla F1 per raggiungere l’obiettivo. Sarebbe una via semplice per dare un taglio netto, però il campionato porta anche benefici importanti al marchio tedesco e lasciare ora non è ritenuto saggio.

LEGGI ANCHE -> Vettel, la Racing Point lo difende e lancia un “attacco” alla Ferrari

Kaellenius sul futuro della Mercedes in Formula 1

Hamilton Mercedes
Lewis Hamilton festeggia la vittoria al Nurburgring (Getty Images)

Ola Kaellenius, presidente di Daimler e Mercedes, nel corso di una conferenza stampa virtuale con i giornalisti è stato molto chiaro nell’esporre la propria posizione: “L’uscita della Mercedes dalla Formula 1 ha le stesse probabilità che il Bayern Monaco lasci il calcio. Ma puntiamo a una riduzione dei costi ancora più aggressiva in F1 come nel resto delle altre aree”.

Kaellenius allontana ogni ipotesi di abbandono del Circus da parte della scuderia anglo-tedesca, ma ribadisce l’intento di abbassare le spese per la partecipazione al campionato. Probabilmente con l’avvento di Stefano Domenicali a capo della Formula 1 a inizio 2021 si inizierà a discutere in maniera maggiormente concreta di come poter ridurre i costi in futuro.

È un tema che interessa tutti coloro che oggi sono presenti nel paddock della F1. Attualmente questo sport è difficilmente sostenibile, serve trovare soluzioni diverse sia per non perdere chi fa già parte della griglia e sia per attirare nuovi soggetti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Red Bull, quale futuro in Formula 1 dopo Honda: Marko svela il piano