“Valentino Rossi non è Ibrahimovic”: Flavio Briatore bacchetta il Dottore

Flavio Briatore dà un consiglio a Valentino Rossi per il futuro e fa un paragone con Zlatan Ibrahimovic. Il pilota MotoGP lo ascolterà?

Valentino Rossi MotoGP
Valentino Rossi (Getty Images)

Le ultime stagioni MotoGP sono state avare di soddisfazioni per Valentino Rossi, che tra il 2019 e il 2020 ha conquistato solamente tre podi. Nonostante un calo dei risultati, l’anno prossimo sarà ancora in pista.

Il team Petronas SRT ha deciso, su spinta della Yamaha, di dargli fiducia e lui vuole dimostrare di poter essere ancora competitivo. Tanto dipenderà da lui, oltre che dal livello della nuova M1. A febbraio compirà 42 anni e durante il campionato si scontrerà con tanti giovani colleghi talentuosi e affamati di successo. Non sarà facile.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> MotoGP, Brivio e il retroscena su Suzuki: “Partiti da una situazione orrenda”

Flavio Briatore su Valentino Rossi

Flavio Briatore
Flavio Briatore (Getty Images)

Tra coloro che pensano che Rossi avrebbe dovuto già ritirarsi c’è Flavio Briatore, noto manager che a Radio Radio è stato molto chiaro nell’esprimere il suo pensiero: “Valentino dovrebbe ritirarsi, vogliamo ricordarlo come un grande campione. Gli consiglio di smettere. Non puoi più rimanere lì senza neppure un mezzo competitivo. A un certo punto l’età conta”.

Gli viene fatto presente che nel calcio c’è Zlatan Ibrahimovic che, nonostante i 39 anni, sta facendo ottime cose al Milan. Sul tema Briatore replica così: “Il caso di Ibrahimovic è particolare, perché lui fa una vita totalmente dedita allo sport senza sgarrare mai. Inoltre, una cosa è prendersi un calcio nelle caviglie, un’altra è correre a 300 km/h e sbagliare una curva provocando un incidente”.

Secondo l’imprenditore piemontese Rossi farebbe meglio a optare per il ritiro. Avrebbe dovuto farlo già tempo addietro secondo Briatore, che nel 2017 gli consigliò di smettere con la MotoGP. Invece, il Dottore ha deciso di continuare e anche nel 2021 correrà. Forse sarà l’ultimo anno. Forse…