EICMA, edizione 2021 posticipata: l’annuncio con le nuove date

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:21

EICMA. Gli organizzatori hanno comunicato che le date dell’edizione 2021 della Fiera dedicata alle due ruote sono cambiate. L’annuncio ufficiale

EICMA
(Foto: Getty)

La 78° edizione di EICMA avrebbe dovuto tenersi nel 2020, ma, a causa del Covid-19, è stata rimandata al 2021. Inizialmente previsto dal 9 al 14 novembre, uno dei maggiori appuntamenti dedicati alle due ruote è stato posticipato. Sono stati gli stessi organizzatori ad annunciarlo, tramite un comunicato stampa.

Pertanto, l’evento si svolgerà due settimane dopo, dal 23 al 28 novembre 2021, presso la zona Fiera Rho di Milano. Il motivo del posticipo è da ricondursi ad esigenze di calendario delle varie manifestazioni fieristiche in programma nello stesso luogo. Pertanto, gli organizzatori di EICMA si sono resi disponibili nel trovare una soluzione consona alle necessità delle parti in causa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Aprilia eSR1, il monopattino della Casa di Noale: autonomia e prezzo

EICMA 2021, le nuove date della Fiera dedicata alle due ruote

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Eicmaofficial (@eicmaofficial)

Le circostanze sono state spiegate dallo stesso amministratore delegato di EICMA, Paolo Magri, che, nel comunicato, ha definito la decisione “un atto di responsabilità nell’interesse del sistema fieristico come strumento di opportunità di crescita del mercato e rilancio delle aziende“. Infatti, la pandemia ha stravolto i piani delle imprese, nonché quelli dell’organizzazione fieristica, che si ritrova a dover gestire un calendario compresso.

La ripartenza da questa complessa congiuntura passa inevitabilmente da risposte di sistema – spiega l’ad di EICMA-. Perciò, abbiamo deciso di andare incontro, come organizzatori e come comparto, ai bisogni e alle richieste di Fiera Milano, ponendo a fattore comune l’interesse complessivo“.

Infine, Magri ha tenuto a precisare come l’evento sia una grande opportunità di rilancio economico per tutti gli attori coinvolti, dopo le grandi difficoltà riscontrate nel 2020.