Suzuki, nuova idea per il dopo Brivio: ipotesi a sorpresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Per la sostituzione di Davide Brivio in Suzuki si fa strada un’ipotesi a sorpresa: gli aggiornamenti sul team nipponico

suzuki brivio Sahara
Sahara (Getty Images)

Chi sarà il dopo Davide Brivio alla Suzuki? A tre mesi dall’inizio del motomondiale 2021, la casa nipponica deve fare i conti con l’inattesa fuoriuscita del team manager, per il quale si attende l’annuncio del passaggio alla Alpine Renault. Una nuova sfida che ha convinto il manager italiano a lasciare Suzuki e a cimentarsi con il mondo a lui poco noto della Formula 1, una inesperienza che per Briatore non costituirà un problema. Lo è, invece, la scelta del suo sostituto per la Suzuki. Tanti i nomi fatti per il ruolo fin qui ricoperto dal manager toscano: le ipotesi Livio Suppo e quella di Pablo Nieto al momento non sembrano praticabili ed allora il team valuta anche una soluzione a sorpresa.

LEGGI ANCHE >>> Davide Brivio con Alonso: perché la Renault Alpine può stupire in Formula 1

Suzuki, nessun sostituto per Brivio: l’ipotesi a sorpresa

suzuki brivio
Brivio (Getty Images)

Anche per la difficoltà di individuare il nome giusto per prendere il posto di Davide Brivio, la Suzuki sta valutando la possibilità di non prendere nessun sostituto del team manager. L’ipotesi al vaglio è quella di una soluzione interna con le mansioni fin qui affidate dal dirigente italiano che sarebbero ridistribuite da due dirigenti già in carica.

Si tratta del project manager Shinichi Sahara e del direttore tecnico Ken Kawauchi. Una svelta nel segno della continuità e per evitare gli inevitabili problemi di ambientamento che un nuovo manager dovrebbe affrontare. Ecco perché la Suzuki sta valutando questa opzione con molta attenzione, volendo proseguire la strada tracciata da Brivio senza stravolgimenti.

Del resto che il percorso intrapreso sia stato quello giusto lo dicono i risultati con il sorprendente mondiale di Joan Mir appena vinto, in una stagione anomala dove la Suzuki ha saputo sfruttare al meglio le caratteristiche della proprio moto.