Brivio in Renault, Briatore ‘approva’: il giudizio dell’ex manager

Davide Brivio arriva alla Renault: Flavio Briatore commenta il passaggio in Formula 1 dell’ex team manager della Suzuki

brivio briatore
Flavio Briatore (Getty Images)

Da Briatore a Brivio: la Renault si affida nuovamente ad un italiano per provare a tornare al vertice della Formula 1. Dopo i successi ottenuti negli anni di Briatore, ora tocca a Davide Brivio provare a dare nuova linfa alla scuderia. Lo fa dopo aver lasciato la Suzuki sul tetto del mondo, con l’inatteso titolo conquistato da Mir. Ma anche senza alcuna esperienza nel circus a quattro ruote e questo ha sollevato qualche dubbio.

Non ne ha però lo stesso Flavio Briatore che ha commentato in alcune dichiarazioni riportate dalla Gazzetta dello Sport l’arrivo di Brivio in Alpine Renault. Briatore è convinto che per Brivio l’inesperienza in Formula 1 non sarà un problema. Pluridecorato con la Renault, il manager di Verzuolo dà il suo parere sull’approdo dell’ex Suzuki nella scuderia francese ed è un giudizio positivo.

LEGGI ANCHE >>> Brivio in Formula 1, Suzuki cerca il sostituto: un manager si ‘candida’

Brivio in Formula 1, Briatore non ha dubbi: “Inesperienza non sarà un problema”

brivio
Brivio (Getty Images)

In attesa dell’annuncio ufficiale dell’Alpine Renault, Briatore commenta il nuovo incarico di Brivio: “Non credo che l’inesperienza sarà un problema. Anche io ero a digiuno quando sono arrivato. Anzi non avevo visto nemmeno una gara, poi ho vinto 7 Mondiali“.

Briatore è convinto che “se la Renault lo ha scelto ci saranno molte buone ragioni“, anche perché alla fine “si tratta di gestire uomini“. Non ci sarà quindi alcun problema nel passare da un mondo come la MotoGP ad un altro completamente diverso come quello della Formula 1 che vive di equilibri sottili: “Basteranno pochi mesi e capirà tutto ciò che è necessario fare“.

Ad agevolare Brivio ci sarà anche un team in crescita e “un pilota eccezionale come Fernando Alonso“. Del resto, in F1 – come in tutti gli sport – “quel che conta è la performance. E avere una macchina che vada forte“.