Vettel pronto per Aston Martin: prova sedile e giro al simulatore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:07

Archiviata l’esperienza con la Ferrari, Sebastian Vettel sta iniziando a prendere confidenza con la sua nuova scuderia, l’Aston Martin.

Vettel
Sebastian Vettel (Foto: Getty Images)

Sebastian Vettel è ormai pronto per la nuova avventura al volante dell’Aston Martin, una realtà ambiziosa che vuole ritagliarsi sempre più spazio nel Circus. Il tedesco è stato certamente felice di accettare la corta della scuderia britannica, arrivata a qualche settimana di distanza dall’ufficializzazione della conclusione del suo rapporto con la Ferrari. E come ha sempre fatto lui non vuole trascurare alcun dettaglio, consapevole di come questo modo di agire sia fondamentale per poter dare il massimo quando si arriva a gareggiare in pista.

Secondo quanto riportato dalla testata tedesca RTL, nella giornata di martedì, il quattro volte campione del mondo ha così vissuto un momento importante per chi si appresta a conoscere meglio la sua squadra. L’ex ferrarista si è così presentato a Silverstone (Inghilterra), sede di riferimento del team e ha effettuato la sua prima prova sedile.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sebastian Vettel (@vettelofficial)

Potrebbe interessarti – Vettel e l’addio alla Ferrari: Seb svela la reazione alla telefonata di Binotto

Sebastian Vettel pronto per l’Aston Martin – Il primo test al simulatore

Un momento particolarmente importante per ogni pilota è dato dal primo approccio con il simulatore e di questo ne è consapevole anche Vettel, pronto a dimostrare di non avere perso lo smalto dei tempi migliori. Poter sfruttare uno strumento di questo tipo permette infatti di realizzare un modello virtuale della vettura, in modo tale da capire meglio le caratteristiche ed eventuali difetti. Una volta che si potrà scendere in pista, si avrà così la possibilità di gestirne al meglio le potenzialità.

La presenza di Seb a Silverstone è stata inoltre l’occasione anche per un incontro con gli ingegneri ed il britannico Andy Green, direttore tecnico presente anche con Racing Point. La scuderia sembrava essere intenzionata a facilitare il processo di ambientamento dell’ex numero cinque della Ferrari permettendogli di partecipare ai test organizzati per i giovani piloti organizzati da Abu Dhabi, ma tutto è saltato a causa del mancato consenso da parte della FIA.

Non è invece ancora avvenuto il primo incontro tra il pilota teutonico e il suo nuovo compagno di squadra, Lance Stroll, che attende ancora di vedere da vicino la monoposto.