Gira in Ferrari mentre percepisce il Reddito di Cittadinanza: denunciato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:10

“Furbetto” del reddito di cittadinanza girava a bordo di una fiammante Ferrari: scoperto e denunciato dalla Guardia di Finanza

Gira in Ferrari mentre percepisce il Reddito di Cittadinanza: denunciato
Gira in Ferrari mentre percepisce il sussidio: denunciato (Getty)

Prendeva il reddito di cittadinanza, ma girava in Ferrari. Scatta la denuncia della Guardia di Finanza, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Brescia. Iscritte nel registro degli indagati 23 persone, tutte accusate di aver percepito il reddito di cittadinanza in modo fraudolento. Lo Stato ha erogato oltre 180mila euro a soggetti che non ne avevano di diritto. Emblematica la scoperta di un consulente fiscale, che opera tra Svizzera e Italia.

Leggi anche – Ferrari 458 Speciale, il sound “celestiale” del motore da 600 CV | Video

Prendeva Reddito Cittadinanza e girava in Ferrari: scoperto un altro “furbetto”

Costui, 46enne bresciano, molto conosciuto sui social network, ha chiesto il reddito di cittadinanza fornendo all’Inps documenti incompleti, che hanno prodotto un valore Isee fasullo. Il consulente ha indebitamente percepito il reddito da maggio 2019 a novembre 2020, intascando oltre 14mila euro. Anche se i controlli per rilasciare il reddito sono piuttosto rigidi, il consulente ha approfittato delle sue conoscenze per “confezionare” una documentazione che non faceva una piega.

Foligno frode auto Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (Getty Images)

E il professionista è stato colto con le classiche “mani nella marmellata”. Alla faccia del reddito di cittadinanza, girava tranquillamente a bordo di una fiammante Ferrari 458 cabriolet presa a noleggio. L’uomo è stato fermato alla frontiera tra Svizzera e Italia, e si è giustificato dicendo che poteva permettersi quel bolide a seguito di vincite di scommesse sportive per un valore di 23mila euro. Paradossalmente, queste vincite sono risultate autentiche, ma anche su questo stanno indagando i funzionari della Guardia di Finanza, in quanto sono molteplici le attività sospette dell’uomo denunciato.