Aston Martin in vendita? Lawrence Stroll smentisce l’ipotesi

Il boss della Aston Martin, Lawrence Stroll, smentisce seccamente l’ipotesi di vendita del suo team di Formula 1

Formula 1, Aston Martin in vendita: Stroll smentisce l'ipotesi
Il suo tema vendita: Stroll smentisce l’ipotesi (Getty)

La Aston Martin in vendita? Questa l’ipotesi circolata nei giorni scorsi. Le difficoltà del mondo della Formula 1 legate alla pandemia potrebbero incidere sul futuro della scuderia. Ma ci pensa il “boss” del team, Lawrence Stroll, a smentire le voci.

Si è parlato parecchio di una cessione dello storico marchio britannico, che per ora non ha ancora iniziato la stagione del suo ritorno in Formula 1. Eppure, la casa di Silverstone dovrebbe rimanere al suo posto. Il proprietario del team, il magnate canadese Lawrence Stroll, non avrebbe alcuna intenzione di cedere la Aston Martin ai cinesi o a chiunque altro si voglia fare avanti.

Leggi anche – Aston Martin, il logo con le ali torna in Formula 1: storia e significato

Formula 1, Aston Martin in vendita: Stroll smentisce

Le ipotesi di una cessione del team sono emerse dal blog dell’analista Joe Saward (una fonte comunque autorevole), ma Stroll ha chiarito che si tratta di notizie non vere. Il canadese ha acquisito la Aston Martin dalla Force India, cambiandone il nome in Racing Point. “Queste voci, o indiscrezioni come volete chiamarle, sono una sciocchezza assoluta e totalmente falsa – ha tuonato uno dei portavoce del gruppo, riportando le parole di StrollLawrence è entusiasta del suo team. È convinto che il futuro sarà importante e ricco di soddisfazioni per la squadra. Anzi, Lawrence (Stroll, ndr) sta lavorando con intensità per arrivare a questi successi nel più breve tempo possibile”, ha concluso il portavoce del team con una nota diffusa alla stampa specializzata. Niente di fatto allora, il team resta nelle mani del suo padrone, in attesa di capire quali sono i progetti per la scuderia di Formula 1 a marchio britannico.

Stroll rinforza il legame Aston Martin-Mercedes
Lawrence Stroll (Getty)