Vendite Auto, altro calo a febbraio 2021: i dati sulle immatricolazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:08

Vendite Auto. Dopo gennaio, altro ribasso anche a Febbraio 2021 nelle immatricolazioni sul mercato italiano

Mercato Auto
Vendita Auto, i dati di febbraio 2021 (Getty Images)

Il Ministero dei Trasporti ha comunicato i dati sul mercato Auto italiano relativo a Febbraio 2021. Nel mese appena trascorso sono state immatricolate 142.998 vetture a fronte delle 163.124 di febbraio 2020, con un calo su base annua del 12%. Tra gennaio e febbraio 2021 sono state vendute, in tutto, 277.145 automobili contro le 318mila di inizio anno precedente. Il dato a ribasso, in questo caso, tra le due annualità è del 13%.

Continua a pesare sul mercato automobilistico italiano l’incedere della pandemia da Covid-19, mitigato comunque in parte dagli incentivi per l’acquisto di un’Auto nuova messi a disposizione dal Governo con la Legge Finanziaria.

Con 59.074 auto immatricolate, il Gruppo Stellantis ha conquistato il 41% della quota mercato in Italia con lieve calo (-0.3%) su base annua. In totale nei primi due mesi del 2021, Stellantis ha immatricolato, in Italia, 111.669.

Leggi ancheAuto dell’Anno 2021: Toyota Yaris la vincitrice, la classifica

Auto
Auto (Getty Images)

Vendite Auto a febbraio, i commenti di Unrae e Anfia

“I dati di febbraio confermano la pesante situazione del mercato automotive – commenta Michele Crisci, presidente dell’Unrae, l’associazione della case automobilistiche estere – E’ un momento che fa presagire un peggioramento ulteriore e drammatico quando a fine marzo – inizio aprile, i fondi destinati agli incentivi si esauriranno. Auspichiamo che il Governo rinnovi il sistema degli incentivi quanto prima, il cui utilizzo sta apportanto anche un grande beneficio ambientale.”

Paolo Scuderi, presidente dell’Anfia sottolinea: “Pur in presenza di un clima di fiducia di imprese e consumatori, assistiamo a un’altra performance negativa del mercato dell’Auto. Da febbraio 2015 non si vedevano volumi così bassi. Gli incentivi – prosegue Scuderi – in vigore da giugno si confermano necessari, in un momento così delicato, per sostenere il comparto.”