MV Agusta, dalla Moto 2 al sogno MotoGP: l’annuncio di Sardarov

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08

Timur Sardarov rivela che MV Agusta vuole approdare in MotoGP in futuro. Sarebbe un progetto affascinante, ma prima serve fare bene in Moto2.

MV Agusta
La F2 che guideranno Simone Corsi e Lorenzo Baldassarri in Moto 2 nel 2021 (foto MV Agusta Motor)

Il marchio MV Agusta ha fatto la storia del Motomondiale, non c’è dubbio. Tra il 1952 e il 1974 ha conquistato al bellezza di 75 titoli iridati: 38 piloti e 37 costruttori.

Si tratta della casa europea più vincente di sempre. Con le sue moto hanno corso piloti leggendari come Giacomo Agostini, Phil Read, Mike Hailwood, John Surtees e Carlo Ubbiali. L’azienda lombarda vanta successi anche in categorie come Tourist Trophy e Campionato Italiano Velocità. Una storia assolutamente vincente.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi competitivo: Chicho Lorenzo ha un solo dubbio

MV Agusta dalla Moto2 alla MotoGP?

agostini dovizioso mondiale
Giacomo Agostini, ex pilota con tanti successi assieme a MV Agusta (Getty Images)

Dal 2019 abbiamo rivisto il marchio MV Agusta nel Motomondiale grazie a una partnership con il team Forward Racing in Moto2. La moto si chiama F2, ma per regolamento deve montare motore Triumph. Ci sono grandi ambizioni per il futuro.

Timur Sardarov, presidente e amministratore delegato della casa varesina, a GPOne.com ha spiegato gli obiettivi: «Ogni anno abbiamo fatto progressi e penso che in questa stagione faremo meglio. Abbiamo due piloti forti e una moto veloce, speriamo di salire sul podio. Quando riusciremo a salirci cambierà tutto, le persone saranno più motivate e anche l’azienda».

Sardarov ci tiene a fare un salto di qualità in Moto2, iniziando a conquistare dei podi che aiuterebbero il team a crescere ulteriormente. Ma per il futuro sogna in grande: «La MotoGP è un cammino da intraprendere. La nostra azienda deve prima imparare in Moto2 e poi passare in MotoGP più tardi, in questa decade».

MV Agusta in MotoGP tra un po’ di anni. Sarebbe sicuramente bello rivedere un marchio così prestigioso e vincente nella top class del Motomondiale. Serve del tempo, però, affinché il progetto si concretizzi. Non è un’operazione semplice e probabilmente bisognerà aspettare ancora diversi anni.