Marquez vicino al rientro, il fisioterapista racconta i mesi di calvario

Carlos J. García, fisioterapista di Marc Marquez, ha parlato dei difficili mesi che ha vissuto il pilota Repsol Honda e del ritorno in MotoGP.

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

Marc Marquez ha avuto l’ok per tornare a gareggiare in MotoGP e, se supererà l’ultima visita di giovedì, potrà prendere parte al weekend del Gran Premio del Portogallo 2021. Non dovrebbero esserci problemi.

Sicuramente si tratta di un grande ritorno, visto che stiamo parlando di un otto volte campione del mondo e del pilota più forte del Motomondiale sia in questi anni che in generale nella storia. C’è grande curiosità di vedere il suo livello appena risalirà sulla Honda RC213V. C’è chi se lo aspetta subito forte e chi pensa che gli servirà del tempo per tornare quello di prima.

LEGGI ANCHE -> Marc Marquez, conto alla rovescia per il rientro: messaggio ai tifosi sui social network

MotoGP, parla il fisioterapista di Marquez

Marc Marquez
Marc Marquez (Getty Images)

Carlos J. García, fisioterapista di Marquez, su Instagram ha commentato così il rientro del pilota Repsol Honda: “Non deve dimostrare niente a nessuno, è Marc. Chi di noi gli è stato vicino in questo momento difficile sa che prima dell’atleta c’è una grande persona. Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo, questi quasi 9 mesi sono stati i più lunghi della nostra vita“.

Garcia si è trasferito a Cervera per stare vicino al pilota e aiutarlo nel lavoro quotidiano, sono stati mesi complicati ma ha imparato qualcosa anche lui: “Abbiamo raggiunto l’obiettivo e questo è ciò che ci ripaga di tutto. Gli ultimi mesi sono stati molto duri, ma abbiamo cercato di vedere la luce in fondo al tunnel. Ho imparato che a un’atleta non basta il talento per avere successo. Devi aggiungere il lavoro, fare quello che devi e non quello che vuoi. Alzarsi presto, essere puntuali, costanti, saper riposare, seguire una dieta sana, allenarsi, soffrire… Tutto senza sapere per quanto tempo. Finalmente abbiamo visto la luce in fondo al tunnel”.

Il fisioterapista spagnolo conclude così sul pilota: “Marquez vincerà mondiali, però resterà Marc“. Un grande campione sì, ma secondo Garcia è prima di tutto una grande persona.