KS Norge, il super yacht di re Harald di Norvegia: curiosità e foto

Una delle dinastie più antiche del mondo, quella di Norvegia torna in pubblico dopo la pandemia in un’occasione speciale

Norvegia re Haland
Re Harald V di Norvegia sale sul Royal Yacht Norge per una visita ufficiale (Getty Images).

Lunedì 17 maggio, per la Norvegia è una festa nazionale che il paese onora nel modo migliore possibile nonostante la pandemia che anche nel regno scandinavo ha avuto effetti pesantissimi.

Norvegia, re Harald e il suo yacht

Tutti conoscono la storia della monarchia inglese: pochi in Italia sanno che anche la Norvegia è un regno. E che re Harald I di Norvegia, 84 anni, che il 17 gennaio scorso ha festeggiato trent’anni di regno, è amatissimo dai suoi sudditi. Quando il 6 maggio scorso re Harald è uscito dal Palazzo Reale per una visita ufficiale al suo yacht “Norge”, i giornali nazionali hanno titolato con soddisfazione… “Eccolo!”. Come a dire che finalmente le tradizioni del paese potevano riprendere e che la normalità fosse di nuovo qualcosa di davvero concreto.

LEGGI ANCHE > Il Nabila: lo yacht degli eccessi, da Kashoggi ai Queen

Un’auto da parata con 80 anni di vita

Lo yacht di Harald è il KS Norge, un panfilo elegantissimo che non ha nulla da invidiare al “Britannia” di sua maestà britannica. É  sul “Norge” che la famiglia reale norvegese si riunisce in occasione della festa nazionale del 17 maggio con un cerimoniale molto rigido e tradizionale. Il re e il principe ereditario Haakon si ritrovano nella loro residenza di Asker, partecipano a una breve cerimonia all’aperto a Skaugum tenendo un discorso. Poi si affacciano al balcone del Palazzo Reale per salutare  la folla e cantare l’inno nazionale.

Quindi si infilano nelle due automobili più famose del paese una iconica Buick Roadmaster A1 del 1939, sulla quale sale il re, e una Lincoln Continental del 1966, sulla quale salgono i due principi. E a bordo delle due auto storiche attraversano la capitale. La A1 la stessa identica auto che riportò a palazzo re Haakon VII dopo la fine della seconda guerra mondiale.

In circostanze normali, senza le restrizioni della pandemia, i reali avanzano a passo d’uomo tra i sudditi salutando e spesso fermandosi per chiacchierare con le persone. Lo scorso anno, stravolgendo il protocollo, re Harald, il principe Haakon e la principessa Mette-Marit (amatissima) sono andati a visitare i malati di Covid all’Ullevål University Hospital rendendo omaggio a medici e infermieri.

LEGGI ANCHE > America’s Cup, la stella è l’Odyssey: tutto sullo Yacht di Graeme Hart

Norvegia Norge
Il Royal Yacht Norge attraccato al molo reale di Oslo (Getty Images).

A bordo del Norge

Poi, dopo pranzo, tutti a bordo del “Norge” che salpa dal molo reale per navigare dal fiordo verso Tønsberg e raggiungere la residenza privata della famiglia reale, circondata da centinaia di barche: perché rispettando i detti proverbiali del paese, in Norvegia ci sono due barche per ogni automobile.

Il panfilo reale saluta le barche in parata con tre colpi di sirena, più volte. Re Harald e gli eredi, sul ponte, si godono il primo caldo della stagione: perché anche se è prevista pioggia, come in questi giorni, e ci sono non più di 10°, da queste parti è come se fosse estate inoltrata.

Il “Norge” è uno yacht ma ha una storia bellica: si chiamava “Philante”e fu acquistato dalla casa reale norvegese nel 1947. Oggi, con i suoi 48 uomini di equipaggio è uno dei panfili più belli ed eleganti del mondo che ha conservato la classe e lo stile degli anni ’50, senza orpelli e con lussi essenziali, più di rappresentanza che di ostentazione.

Qui il re ha accolto tutti i suoi ospiti più prestigiosi e a bordo del Norge re Harald ha navigato nel 2004 fino in Normandia per celebrare il D-Day tenendo un discorso… “le barche sono un mezzo per scoprire e liberare, ma facciamo in modo che ci siano sempre più cose da scoprire, e nessuna da liberare”