Rally Sardegna: Ogier controlla, amministra e vince davanti a Evans

Il francese della Toyota Yaris si limita a una gara di amministrazione nell’ultimo giorno del Rally di Sardegna e conquista la sua terza vittoria stagionale

Rally Sardegna Ogier
Terza vittoria stagionale per Sebastien Ogier con la Toyota Yaris (Getty Images)

Capitalizzando gli errori degli avversari, prendendosi pochissimi rischi e limitandosi a gestire il vantaggio, Sebastian Ogier conquista la terza vittoria della stagione del Mondiale WRC al Rally di Sardegna con la Toyota Yaris che piazza una bella doppietta con Evans alle sue spalle e Neuville, con la Hyundai superstite, solo terzo.

Rally di Sardegna, Ogier controlla

Erano quattro le prove speciali in programma nell’ultima giornata del Rally di Sardegna con la powerstage di Santa Teresa di Gallura a ingolosire la concorrenza con i suoi punti extra. Fatti i conti, con Tanak e Sordo lontanissimi a causa dei problemi incontrati dopo gli incidenti di ieri, e Rovanpera molto attardato, Sebastian Ogier si è limitato a una gara di controllo e di gestione.

Forte di 38” di vantaggio, il francese della Toyota lascia a Evans la prima prova di giornata, con Tanak – che riparte ma senza ambizioni di classifica finale – secondo. Poi controlla da lontano concedendo il minimo indispensabile senza mai correre rischi, per incrementare il suo vantaggio finale davanti a Evans a 48”.

LEGGI ANCHE > Rally WRC, la Hyundai blocca Neuville e Tanak: accordi pluriennali

Rally Sardegna Ogier
Ogier sempre più isolato al comando della classifica generale di WRC (Getty Images)

Ordine d’arrivo e classifica generale

Neuville è terzo e si toglie anche la soddisfazione della vittoria nella Powerstage che vale punti extra in classifica generale. Ma alla fine è Ogier a vincere conquistando 27 punti (25 più due punti dal quarto posto della power stage) che gli consentono di guadagnare un gap considerevole: 106 punti davanti a Evans, 95 con Neuville terzo a 77.

Tanak si accontenta delle briciole ed è quarto a quota 49, un mezzo disastro per l’estone che per la seconda volta consecutiva va fuori dalla zona punti. Prossimo appuntamento in Kenya, dal 24 giugno.

Gestione cookie