Carlos Sainz spazza via i dubbi: l’elogio di un ex pilota

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:35

Un ex pilota di F1 commenta le prestazioni in Ferrari di Carlos Sainz

Carlos Sainz

Carlos Sainz (Getty Images)L’unico podio in stagione della Ferrari è suo: Carlos Sainz non poteva certo ambire ad un ambientamento migliore con la scuderia di Maranello. Lo spagnolo, il cui ingaggio è stato accompagnato da qualche perplessità, ha dimostrato subito di avere feeling con il team e anche il suo rapporto con Leclerc è ottimo. Attualmente il secondo posto di Montecarlo è il migliore risultato in stagione per la Rossa, con l’ex McLaren che ha raccolto 42 punti, settimo in classifica, 10 in meno del compagno di scuderia.

Un buon bottino considerato il prevedibile tempo di adattamento necessario quando si sale al volante di una nuova monoposto. Anche per questo il giudizio sulla prima parte di stagione di Sainz è decisamente positivo e lo confermano anche le parole che arrivano da un ex pilota di F1, Pedro De La Rosa. Intervistato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, lo spagnolo dice la sua sul connazionale e i suoi giudizi sono decisamente positivi.

LEGGI ANCHE >>> Leclerc, che paura in aereo: Sainz lo prende in giro, il video è esilarante

Carlos Sainz, De La Rosa non ha dubbi: “Pilota solido”

Carlos Sainz
Carlos Sainz (Getty Images)

Le parole di De La Rosa su Carlos Sainz sono molto incoraggianti: “E’ un pilota solido e la gente si sta rendendo conto di quanto sia stato veloce l’adattamento alla monoposto“. Sul podio di Monaco, l’ex pilota spiega: “Il risultato di Montecarlo era soltanto questione di tempo, considerato che era riuscito ad avere il passo dei migliori nelle gare precedenti“.

Gli elogi di De La Rosa per Sainz non finiscono qui. Lo spagnolo individua un altro pregio nel connazionale: “Non si fa sovrastare dalla pressioni e non smette mai di imparare. Ama conoscere in profondità la macchina che sta guidando“. Infine, altro aspetto che aiuta Sainz nel migliorare è il rapporto con suo padre: “E’ genuino ma anche competitivo: il padre lo spinge a migliorarsi sempre, non è come quei genitori che non vedono i difetti dei figli“.