MotoGP, salta l’Australia: cambia il calendario con una tappa nuova

Il campionato mondiale di MotoGP non perderà nessun appuntamento dopo la forzata cancellazione della data di Philip Island: si correrà in Algarve

MotoGP Algarve
Seconda gara in Algarve per sostituire l’Australia (Getty Images)

Novità nel calendario MotoGP. Quasi a metà stagione: nove gare ormai in archivio, dieci ancora da correre e una da confermare. La cancellazione della tappa australiana di Philip Island rappresenta un’altra incognita nel calendario.

MotoGP salta l’Australia, si corre in Algarve

Che la tappa australiana di Philip Island fosse a rischio era una ipotesi più che concreta da alcuni giorni e la direzione del mondiale MotoGp non si è fatta cogliere impreparata. Comunicando la cancellazione definitiva dell’evento in Australia in programma il 24 ottobre, la MotoGP ha già annunciato che la 18esima gara della stagione, penultimo appuntamento della stagione, si terrà in Portogallo sul circuito dell’Algarve.

Una doppia data dunque sul circuito internazionale di Portimão dove la MotoGP aveva corso la sua terza tappa di questa stagionale dopo la doppia data inaugurale al Losail.

LEGGI ANCHE > F1 e MotoGP, annullati i GP di Australia: cambia il calendario

MotoGP Algarve
Nonostante l’assenza dell’Australia il Motomondiale garantisce al momento 19 gare (Getty Images)

Calendario rimodulato

La MotoGP, questa stagione ha cancellato oltre alla tappa australiana anche il GP di Finlandia (11 luglio) e quello del Giappone (al Motegi, 3 ottobre). Non ci sono ancora decisioni circa la tappa argentina, in programma al Termas del Rio Hondo a inizio stagione e posticipata. La direzione del motomondiale spera ancora di poterla recuperare ma i tempi cominciano a farsi stretti, e l’unico spazio ipotizzabile per correre anche in Sud America sarebbe prima o dopo il Gran Premio americano di Austin, fissato per il 3 ottobre.

Il calendario nel frattempo è stato rimodulato: in Algarve si corre il 7 novembre mentre la data della Malesia è stata anticipata al 24 ottobre, una settimana dopo la tappa in Thailandia.

Gestione cookie