F1 GP Monza, gli Highlights del Gran Premio: la sintesi della gara – Video

Guarda gli highlights e i colpi di scena al GP Monza caratterizzato dall’incidente a metà gara tra Max Verstappen e Lewis Hamilton

Charles Leclerc
Charles Leclerc (Getty Images)

Dopo undici anni, due McLaren occupano i primi due posti al traguardo di un gran premio. La doppietta Ricciardo-Norris è un segnale preoccupante per le Ferrari, che finiscono fuori dal podio. Quarto Leclerc, sesto Sainz. In mezzo Perez, che sconta cinque secondi di penalità.

Sul podio c’è Bottas terzo nonostante sia partito ultimo. Fuori invece Hamilton e Verstappen, che si sono scontrati al 27mo giro. Gara da incubo invece per la Toro Rosso: fuori subito Tsunoda e Gasly, vincitore l’anno scorso.

Partono bene le due McLaren, con Daniel Ricciardo subito in testa davanti alla Red Bull di Verstappen e al compagno di squadra Norris. Molto aggressiva la partenza della Mercedes di Hamilton quarta davanti alle Ferrari di Leclerc e Sainz che sperona Giovinazzi, peraltro anche penalizzato per essere rientrato in modo non sicuro in pista.

Verstappen e Hamilton vanno spalla a spalla alla Roggia. La Mercedes spinge per una penalizzazione dell’olandese, i commissari però non sono dello stesso avviso.

Al giro 9 la Red Bull di Perez supera di potenza la Ferrari di Sainz. I tifosi del Cavallino a Monza si entusiasmano per la rimonta di Leclerc, che si avvicina in misura consistente a Hamilton, impegnato davanti a lui in una lotta accesa con Lando Norris. Dopo tredici giri, il suo distacco è nell’ordine del secondo e mezzo.

Dietro, bel duello alla Roggia fra Ocon e Vettel. Ha la peggio il francese, che viene penalizzato di cinque secondi per aver causato una collisione, comunque senza conseguenze.

Leggi anche – GP Monza, incidente pazzesco Hamilton-Verstappen: che rischio per Lewis – Video

Highlights GP Monza, le immagini del Gran Premio

Gli highlights della prima parte del GP Monza vedono Bottas rimontare con forza, supera anche Fernando Alonso e si piazza nono dopo un terzo di gara. Verstappen a metà gara inizia a lamentarsi via radio del grip e dello stato delle sue gomme. Dopo la sosta al 23° giro di Ricciardo, può sfruttare l’aria pulita ma il colpo di scena è dietro l’angolo.

L’olandese si ferma alla fine del giro, i meccanici hanno non pochi problemi ad avvitare l’anteriore destra e l’olandese deve ricostruire tutta la gara. Verstappen infatti rientra addirittura alle spalle di Bottas. E non è ancora finita.

Hamilton rientra ai box, di nuovo in pista si ritrova appena davanti Max Verstappen. La gara di entrambi dura poco di più. Si sono inseguiti e osservati per tutta la stagione, si buttano fuori alla prima curva al giro 27. L’olandese si getta all’esterno dove non c’è spazio, poi nella seconda parte della chicane salta sul cordolo e sulla Mercedes del campione del mondo. E’ la prima volta che un incidente costringe Hamilton al ritiro dallo scontro con Rosberg al Montmelo cinque anni fa.

L’immagine delle due monoposto, una incastrata nell’altra, è il simbolo della gara e della corsa al Mondiale. Così Ferrari e McLaren si scoprono a sorpresa in lotta per la vittoria come dieci o vent’anni fa, quando si sfidavano Senna e Alboreto o Hakkinen e Schumacher.

Dopo la safety car ripartono meglio le McLaren e la Red Bull di Perez. Negli ultimi giri le posizioni si congelano e la McLaren festeggia la prima vittoria dal GP Brasile del 2012.