Acquisto Auto, italiani indecisi su incentivi ed elettriche: lo studio di Areté

Incentivi, uno studio di Areté rivela come, complice l’incertezza economica, gli italiani stiano ancora rinviando l’acquisto dell’auto

Incentivi auto complicati, gli italiani sono confusi: lo studio che fa riflettere
Gli italiani sono confusi: lo studio che fa riflettere (Getty)

Incentivi auto, complice la crisi economica che perdura gli italiani sono ancora confusi, visto che l’acquisto di un’auto nuova viene ancora rimandato. Secondo uno studio di Areté solo il 12% annuncia che è pronto a farlo. Eppure, Cresce ancora l’attrattiva delle vetture a basso impatto ambientale, in particolare modo con le ibride. Nelle intenzioni di acquisto, queste raggiungono il 50% delle preferenze di chi vorrebbe cambiare auto.

Eppure, la politica dei continui “stop & go” degli incentivi sta disorientando i potenziali acquirenti. E anche per chi sceglie di utilizzarli, questi sono considerati insufficienti per convincerli alla svolta elettrica. Questi gli spunti più interessanti dello studio “Cambiare l’auto oggi, che confusione”, condotta da Areté (azienda leader nella consulenza strategica).

Leggi anche – Auto Usate, al via gli incentivi: come accedervi, modalità e condizioni

Incentivi auto ancora poco chiari: molti automobilisti indecisi

Considerando l’ultima settimana di settembre, sono state interpellate 500 persone. Anche in questa fase di convivenza con il Covid, sette italiani su dieci usano abitualmente l’auto gli spostamenti. Mentre soltanto l’8% si muove a piedi o con i mezzi pubblici. Infine, il 6% in bici e il 3% si sposta con mezzi in condivisione sharing (auto, bici e monopattini). E’ emerso che gran parte degli italiani preferisce rinviare l’acquisto di una nuova auto.

A pesare anche il ruolo degli incentivi di stato, visto che quattro italiani su dieci dichiarano di non averli ancora compresi. Il 6% addirittura non sa nemmeno che esistono. Il giudizio diventa ancora più netto quando si chiede se gli incentivi saranno sufficienti a convincere l’utente all’acquisto di una nuova auto. Per metà degli interpellati i bonus non basteranno a sostenere le vendite delle automobili elettriche.