Valentino Rossi e il ritiro dalla MotoGP: il bel pensiero di Gigi Dall’Igna

Gigi Dall’Igna ha espresso un breve pensiero sul ritiro di Valentino Rossi, pilota che in Ducati fallì ma con una moto che non è l’attuale.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Getty Images)

Dopo una lunghissima carriera nel Motomondiale, Valentino Rossi dirà addio a fine 2021. La decisione di ritirarsi non è stata semplice da prendere, ma era inevitabile.

Il nove volte campione del mondo aveva dichiarato che tutto sarebbe dipeso dai risultati, pertanto la scelta è diventata scontata. Non è riuscito ad avere il rendimento che sperava con il team Petronas Yamaha. Cambiare squadra avrebbe dovuto fornire nuovi stimoli e forse anche meno pressione rispetto al correre con il team ufficiale, però al Dottore è mancata la velocità necessaria con la M1. Giusto dire basta a fine campionato 2021.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi, il paragone con un mito: “E’ come lui”

Dall’Igna sul ritiro di Rossi e la situazione Ducati

Dall Igna
Gigi Dall’Igna (©Getty Images)

Gigi Dall’Igna in un intervento a MotoG-Podcast de La Gazzetta dello Sport ha commentato il ritiro di Rossi: «Mi spiace vederlo così in difficoltà in questa sua ultima stagione. Avrei voluto vederlo finire la carriera col sorriso. Se fossi al suo posto, mi piacerebbe vincere l’ultima gara a Misano invece che a Valencia. Valentino forte con la Desmosedici attuale? Sicuramente la Ducati di adesso è diversa da quella che aveva lui. Fatico a dire che risultati avrebbe potuto ottenere con una moto simile a quella attuale».

Il direttore generale di Ducati ritiene che nel 2022 ci saranno MotoGP parecchio evolute rispetto al 2021, visto che lo sviluppo era in parte limitato a causa della politica di contenimento dei costi dovuta all’emergenza Covid: «Penso ci sarà un importante step tra la moto di quest’anno e quella del prossimo. Credo che tutti stiano lavorando per avere la migliore moto possibile, anche gli altri faranno un passo avanti rilevante. Per mantenere lo stato di costruttore che più di altri spinge sullo sviluppo dobbiamo impegnarci per avere nuove idee, gli altri non stanno fermi e imparano le cose nuove velocemente».

Dall’Igna conferma che il clima nel box è molto migliorato in questa stagione, nella scorsa era decisamente diverso: «Sicuramente è più facile ottenere risultati se c’è un ambiente come quello di quest’anno rispetto a quello del 2020. Ora abbiamo un’armonia a tutti i livelli, compresi i due piloti che si aiutano e cercano di ottenere il massimo. Lo abbiamo visto a Austin, dove Miller ha aiutato Bagnaia. Questi piloti sanno come motivare una squadra, è una cosa fondamentale».

: «».