Pato O’Ward vince la scommessa e si candida: “Sarebbe un sogno”

Il pilota rivelazione della Arrow McLaren nella Indycar Series, Pato O’Ward confessa il suo grande desiderio, ma intanto è ufficiale il suo prossimo test in Formula 1

Pato O'Ward
O’Ward testerà ad Abu Dhabi la McLaren di Formula 1  (Getty Images)

La McLaren ha ufficializzato che ai primi test della prossima stagione, ad Abu Dhabi, uno dei piloti sarà Patricio O’Ward, per tutti Pato, l’anatroccolo.

Pato O’Ward e la Formula 1

O’Ward quest’anno è stata una delle grandi rivelazioni della stagione Indy: due vittorie, cinque podi, tre pole position in una stagione che lo ha visto chiudere con un brillantissimo terzo posto assoluto nel campionato vinto da un’altra grande rivelazione. Lo spagnolo Alex Palou.

O’Ward è molto amato dal pubblico della Indy, è l’unico pilota messicano del campionato. E questo ha portato un enorme interesse dal Messico, travolto dalla passione per Sergio Perez in Formula 1, su tutte le piste della Indycar series. O’Ward la settimana scorsa si è presentato a Woking per una sessione intensissima di test al simulatore e incassare la sua scommessa.

LEGGI ANCHE > Indycar Long Beach, Herta vince ancora: ma Palou trionfa e si laurea campione

Pato O'Ward
Pato O’Ward, terzo nel campionato Indycar Series (Getty Images)

Una scommessa vinta

O’Ward a febbraio aveva cenato con Zak Brown, che gli aveva promesso un test con la Formula 1 se avesse ottenuto almeno una vittoria e un podio. Il pilota è andato molto al di là delle aspettative e ha pieno diritto di coronare il suo sogno. La sessione di test ha configurato quello che sarà il suo sedile sulla MCL35M.

A gennaio un test che O’Ward sogna da tempo: “Non esiste un pilota che non sogna di poter guidare una Formula 1 – ammette il pilota messicano – se dicessi di no sarei un bugiardo. Ma devo anche dire che la stagione Indycar che abbiamo vissuto è stata straordinaria, e che siamo tutti veramente molto coinvolti in questo progetto. La Formula 1 è un sogno. Ma la mia realtà ora è quella di puntare al titolo, o magari a un grande trofeo: magari la Indy500”.

Il suo contratto con la McLaren è stato rinnovato per altre due stagioni.