Valentino Rossi torna sulla Ducati: la rivelazione di Pirro

Valentino Rossi avrà l’occasione di testare la Ducati Desmosedici GP a distanza di quasi dieci anni dall’ultima volta. Pirro lo ha rivelato.

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©LaPresse)

Valentino Rossi non ricorda con piacere l’esperienza avuta in Ducati, due anni di grandi delusioni. Dopo i trionfi con la Yamaha, nel 2011 e nel 2012 era salito sulla Desmosedici GP senza ottenere quanto sperato.

La moto bolognese era molto difficile da guidare, solamente Stoner dal 2007 in poi era riuscito a stare costantemente davanti. E anche dopo l’addio del Dottore, ci sono voluti anni prima di rivedere la rossa tornare a vincere e a stare nelle posizioni top con una certa continuità.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi, Dovizioso non ha dubbi: che elogio al campione

Pirro annuncia che Rossi tornerà a guidare la Ducati MotoGP

Valentino Rossi
Valentino Rossi sulla Ducati nel 2012 (©LaPresse)

Si era parlato della possibilità che, in caso di continuazione della sua carriera, Rossi guidasse la Ducati del team VR46 Racing. Ma il nove volte campione del mondo ha deciso di ritirarsi dalla MotoGP e dunque non sarà più in gara nella classe regina del Motomondiale.

Nonostante il ritiro, Valentino avrà comunque l’occasione di risalire sulla Ducati Desmosedici GP. Lo ha annunciato Michele Pirro, tester ducatista, sul suo profilo ufficiale Facebook: «Condividere la pista con il G.O.A.T del Motociclismo è stato un grande privilegio. Gli ho chiesto di fare qualche giro sulla Ducati Desmosedici GP di oggi, e lo farà, perché quando sono arrivato in Ducati c’era ancora lui, e so cosa ha passato. Io ho avuto gli incubi per anni che la Ducati la guidava e vinceva solo Casey Stoner, che di talento puro ne ha da vendere».

Non sono stati comunicati luogo e data del “test” di Rossi sulla Ducati, ma è già una grande notizia il fatto che a distanza di quasi dieci anni risalga in sella a una moto di Borgo Panigale. Sicuramente si ritroverà tra le mani un prototipo molto diverso da quello che lasciò alla fine del 2012. C’è stato un grande lavoro per rendere la Desmosedici GP molto più maneggevole e in grado di essere guidata da più piloti.