Super Green Pass e mezzi pubblici: cosa fare per evitare le multe

Debutta oggi il decreto del super green pass, in vigore fino al 15 gennaio. Pensato dal Governo per tutelare gli italiani durante le feste

Super Green Pass e mezzi pubblici: la dimenticanza che può costare caro
Super Green Pass e mezzi pubblici: la dimenticanza che può costare caro (Getty)

Il Green Pass si “rinforza” e diventa “super”. Il nuovo certificato verde entra in vigore oggi, fino al 15 gennaio. L’idea del Governo è di preservare il periodo delle festività dai rischi di chiusure e di spostamenti limitati. In sostanza, il nuovo certificato sarà valido solo per i vaccinati: non sarà più sufficiente il solo tampone eseguito nelle 48 ore precedenti. Il nuovo documento servirà, soprattutto, per le attività ricreative: ad esempio, per sedersi nei ristoranti o nei locali al chiuso. Le restrizioni, tuttavia, aumentano anche per quanto riguarda i mezzi pubblici: anche in questo caso, si potrà utilizzarli solo col super green pass. E quindi, via libera ai soli vaccinati.

La lista delle disposizioni è ancora in evoluzione, e sul sito del Governo è possibile consultare la “faq” per avere tutte le risposte, in particolare per i ragazzi sopra i 12 anni che devono utilizzare i mezzi pubblici per andare e tornare da scuola: in questo caso il nuovo certificato non dovrebbe essere richiesto, ma l’indicazione non è espressa chiaramente nel decreto e si attende una precisazione. Per quanto riguarda gli altri, nessuno senza il vaccino (almeno due dosi) può accedere sui mezzi pubblici, anche nelle zone bianche e senza distinzione di età.

Leggi anche – Green Pass, le nuove regole per trasporti e spostamenti: cosa cambia dal 6 dicembre

Green Pass e i viaggi all'estero: le regole per chi si sposta in Auto

Super Green Pass e mezzi pubblici: la dimenticanza che può costare caro

Dal 15 dicembre, inoltre, il vaccino è obbligatorio per il personale della scuola, le forze dell’ordine, i lavoratori delle Rsa (compresi i collaboratori) e i militari. Quello che bisogna ricordarsi è che per avere il green pass “rinforzato” occorrerà solamente il vaccino con almeno doppia dose. Oppure bisognerà essere guariti da non più di sei mesi. Tamponi negativi o guarigione non hanno valore per il super certificato, ma solo per quello normale, che servirà a fare meno cose. Senza il green pass si può prendere il taxi, ma non si possono utilizzare autobus, metropolitane e treni regionali.

Per quanto riguarda l’auto, ci si può spostare liberamente (anche senza essere vaccinati) nelle regioni bianche o gialle. Se dovessero arrivare regioni di colore arancione, sarà possibile accedervi solo in casi di effettiva necessità. Quali sono i rischi? Attenzione, perché per quanto riguarda i mezzi pubblici le multe sono salate. I controlli saranno fatti sia alle fermate, sia a bordo dei mezzi. E cosa fondamentale: è indispensabile esibire il green pass al momento del controllo. Chi lo dimentica non potrà evitare la multa, anche se doppiamente (o triplicamente) vaccinato.