Superbike, ultimi test stagionali: Rea e Kawasaki davanti a tutti

Gli ultimi tre giorni di test ufficiali della Superbike consegnano agli archivi una Kawasaki estremamente veloce e competitiva

Superbike Rea
Rea subito in evidenza nei test Superbike con la nuova Kawasaki Ninja (AP LaPresse)

Jerez ha ospitato l’ultimo atto ufficiale della stagione 2021, i tre giorni di test post-season che di fatto poggiano le basi per la prossima stagione del mondiale Superbike.

Superbike, Rea e gli ultimi test

Presenti tre sole case, Kawasaki, BMW e Honda con Ducati e Yamaha grandi assenti dopo la vittoria di Toprak Razgatlioglu nel mondiale piloti. Ma a dominare i test sono state ancora una volta le Kawasaki, in particolare quella di Jonathan Rea che ha girato ininterrottamente nel corso dei tre giorni di test continuando a migliorarsi fino al miglior tempo assoluto di venerdì.

C’era molta attesa per la Ninja ZX10-RR che presentava un nuovo telaio e un’elettronica completamente rivista.

Rea ha girato con sei decimi abbondanti sulla BMW di Van der Mark nella prima sessione. Poi dopo avere lavorato una giornata intera sul set-up si è ulteriormente migliorato nella terza e ultima giornata.

LEGGI ANCHE > Superbike, Razgatlioglu campione: si chiude il dominio di Rea

Jonathan Rea
Rea, una nuova stagione in Kawasaki  (Getty Images)

Lowes sta meglio, incidente per Lecuona

Molto veloce anche la Ninja di Lowes, anche lui considerevolmente migliorato nel corso delle ultime prove ma sempre alle spalle del suo caposquadra. Rea si è detto soddisfatto: “Avevamo le idee chiare e volevamo rispettare tutti gli obiettivi che ci eravamo posti e abbiamo avuto risultati importanti. Ora si tratta di leggere i dati e migliorare. Inizieremo a girare subito dopo Capodanno con nuovi test”.
Benino Lowes, a un secondo da Rea nonostante qualche problema fisico dovuto agli strascichi della sua caduta in gara #2 a Barcellona. A Jerez c’erano anche Loris Baz ed Eugene Laverty che hanno rinnovato con BMW e l’anno prossimo correranno con la Bonovo Action. Curiosità anche per l’esordiente della Honda Xavi Vierge. Le prove si sono concluse male per Iker Lecuona, protagonista di una brutta caduta. Mano destra fratturata, ne avrà per trenta giorni.