Ferrari, l’ex pilota si espone tra Sainz e Leclerc: “Devono rivalutarlo”

Ferrari, dopo la conclusione del Mondiale c’è chi auspica un possibile cambiamento di strategia nel team

Carlos Sainz
Carlos Sainz sul podio ad Abu Dhabi (foto Getty Images)

La prima stagione di Carlos Sainz con la Ferrari è stata sicuramente positiva. Lo spagnolo si è ben adattato sia alla monoposto rossa che al team, un ambientamento avvenuto in tempo breve e che ha poi prodotto buoni risultati in pista.

L’ex pilota della McLaren ha concluso davanti a Charles Leclerc in classifica, anche se vanno considerati due ritiri sfortunati del monegasco. Ad ogni modo, la scuderia di Maranello è convinta di avere un’ottima coppia su cui puntare per il futuro. Non a caso si parla già di un possibile rinnovo di contratto per il madrileno, che va in scadenza a fine 2022.

LEGGI ANCHE -> Charles Leclerc, l’ammissione: “Era un mio punto debole”

Formula 1, Palmer elogia Sainz

Carlos Sainz
Carlos Sainz (Ansa Foto)

Sainz nel 2022 spera di vivere una stagione ancora migliore della scorsa, lottando per qualcosa di più importante del quinto posto nella classifica piloti. Molto dipenderà dalla competitività della Ferrari, che a sua volta ambisce a migliorare e ha lavorato tanto per il cambio di regolamento del prossimo campionato.

Jolyon Palmer nel suo editoriale per il sito ufficiale della Formula 1 ha commentato la situazione di Sainz, elogiandolo per i progressi fatti: «Nelle ultime tre stagioni si è sempre classificato nelle prime sei posizioni. Sia lui che Norris sono migliorati quest’anno, probabilmente sono stati sottovalutati. Credo che Sainz abbia fatto un notevole passo avanti in Ferrari. È diventato il primo pilota a superare Leclerc in qualità di compagno».

Secondo Palmer, lo status di Carlos è cambiato e lo spagnolo è un pilota su quale poter puntare per vincere: «A inizio 2020 sembrava dovesse essere un ottimo secondo di Charles, ma forse oggi devono rivalutare il suo ruolo. Ha fatto vedere il potenziale per essere un pilota di primo livello assoluto».

Nel team di Maranello hanno sempre spiegato che non ci sono gerarchie, con un primo e un secondo pilota. Questo tipo di dinamica si può innescare solamente nel caso in cui vi fosse una lotta per un obiettivo importante (titolo piloti) e uno dei due fosse in netto vantaggio. Qualcosa di assolutamente normale e già visto. Vedremo se nel 2022 ci saranno maggiori battaglie tra Carlos e Charles, che nell’ultima stagione non hanno avuto particolari problemi tra loro in pista.