Nasconde il figlio positivo al Covid nell’Auto: sfiorato il dramma in Texas

Una madre scopre che il figlio è positivo al Covid e lo chiude nel bagagliaio dell’auto: aveva paura di essere contagiata. È successo in Texas

Vuole nascondere il figlio positivo al Covid nell'Auto: ma l'idea è disastrosa
Vuole nascondere il figlio positivo al Covid nell’Auto: ma l’idea è disastrosa (Getty)

Si mette nei guai un’insegnante americana, che spaventata dalla positività al Covid del figlio, si fa venire un’idea disastrosa per proteggersi dal contagio. La curiosa storia arriva dal Texas, negli Stati Uniti. La donna nascosto il figlio di 13 nel bagagliaio della sua auto dopo aver scoperto la sua positività al virus. Adesso rischia di passare molto tempo in carcere per tentato omicidio. Nei confronti della 41enne Sarah Beam è scattato un mandato d’arresto. Lo scorso 3 gennaio la sua auto era al Drive-through per i tamponi Covid al Pridgeon Stadium a Houston.

Alcuni presenti hanno sentito strani rumori arrivare dal bagagliaio dell’auto della donna. E’ intevenuto il direttore dei servizi sanitari locali, Bevin Gordon, che ha intimato alla donna di aprire il bagagliaio. Il ragazzo è stato trovato all’interno, sdraiato e visibilmente scosso. La mamma ha spiegato che era l’unico modo per proteggersi dal contagio quando ha scoperto che il figlio era positivo.

Leggi anche – Marco Melandri positivo al Covid: il duro attacco dell’ex pilota

Vuole nascondere il figlio positivo al Covid nell’Auto: ma l’idea è disastrosa

La donna, che era in fila per il tampone, temeva di essere contagiata. Il ragazzo è stato soccorso, e la donna ha potuto fare il test solo dopo aver dato spiegazioni alla polizia, che nel frattempo era intervenuta. E’ scattato poi un mandato d’arresto. Fortunatamente nessuna ferita per il ragazzo, che era solo spaventato. La notizia arriva dall’emittente televisiva locale Khou 11.

Il sergente Richard Standifer, che è intervenuto sul posto, ha spiegato che il ragazzo rischiava il soffocamento, e che in quelle condizioni, seppur asintomatico avrebbe potuto avere problemi con la respirazione. “Soprattutto – ha detto ai giornalisti – la sua vita sarebbe stata certamente in pericolo in caso di tamponamento. Il ragazzo doveva semplicemente rimanere a casa, ma la madre ha spiegato che non poteva lasciarlo solo per motivi ancora imprecisati.