Ferrari, la previsione non lascia scampo: “Non potrà farlo”

La Ferrari ha incassato una bruciante sconfitta ad Imola e ora deve fare i conti con il pronostico che gela l’entusiasmo: “Non potrà farlo”

La Ferrari incassa una bruciante sconfitta. Il GP di Imola si preannunciava come quello della grande festa con i tifosi rossi, invece è stata una delusione: sesto Leclerc, fuori causa Sainz.

Leclerc
Leclerc © LaPresse

A Maranello si attendevano tutt’altro risultato ed invece hanno dovuto assistere al weekend perfetto di Max Verstappen che ha portato a casa sia la vittoria nella Sprint Race che nella gara domenicale. Un doppio successo che ha consentito al campione del mondo di accorciare il divario su Leclerc in classifica e alla Red Bull di mettersi in scia alla Ferrari. Un successo frutto anche degli sviluppi portati sulla monoposto austriaca che hanno colto nel segno.

Il miglioramento della vettura è stato evidente ed ora toccherà alla Ferrari rispondere con nuovi aggiornamenti. Binotto ha spiegato che difficilmente si vedrà qualcosa di nuovo già dalla prossima gara a Miami, mentre un corposo pacchetto di novità è previsto per la gara di Barcellona.

Ferrari, Marko gela Maranello: “Non terranno il ritmo”

Horner e Binotto
Horner e Binotto © LaPresse

Proprio in tema di sviluppo si è espresso Helmut Marko, consigliere della Red Bull, la cui previsione non farà certo piacere a Maranello. Intervenuto a ‘Sky Sports News’, l’ex pilota austriaco è stato molto chiaro sulla sfida tra la Ferrari e la scuderia austriaca.

“La sfida è molto bella e sarà un campionato entusiasmante anche se spero che non arrivi all’ultima gara come lo scorso anno“. Ovviamente la speranza è che la Red Bull abbia la meglio e per questo fa un pronostico chiaro: “Non credo che la Ferrari potrà tenere il nostro ritmo con gli aggiornamenti“.

Marko continua nella sua analisi e si mostra fiducioso sulle potenzialità della Red Bull: “Con i 18 punti che ha perso Max due volte, sarebbe primo in classifica – ha affermato – . Ma ci sono ancora tante gare davanti a noi ed è importante sapere di avere una monoposto competitiva“. La Red Bull a Imola ha dimostrato di esserlo ed ora toccherà alla Ferrari far vedere in pista che la previsione di Marko è lontana dalla realtà. L’appuntamento è a Miami e soprattutto in Spagna.