Ferrari, sfida alla Red Bull: succederà per la prima volta a Miami

La Ferrari cala l’asso nella sfida contro la Red Bull: a Maranello pronte una duplice novità, succederà per la prima volta

Imola da mettersi alle spalle. La Ferrari si appresta ad affrontare il weekend americano con la voglia di archiviare la opaca prova nel Gran Premio di casa.

Leclerc
Leclerc © LaPresse

La Formula 1 vola a Miami, una pista nuova che metterà alla prova le due monoposto che fin qui si sono giocate la vittoria: la rossa appunto e la Red Bull.

Finora il ruolino di marcia vede Leclerc e Verstappen dividersi i successi: due per il monegasco, altrettanti per l’olandese che però paga dazio in classifica per i due ritiri. La gara americana presenta molte incognite considerato il tracciato poco conosciuto dai piloti anche se, dati alla mano, dovrebbe trattarsi di una pista capace di esaltare la maggiore velocità della Red Bull.

Proprio per questo in casa Ferrari preparano una doppia mossa che possa consentire a Leclerc e Sainz di tenere testa alla velocità di Verstappen e Perez in terra americana.

Ferrari, doppia novità per Miami: sfida alla Red Bull

Verstappen e Lerclerc
Verstappen e Lerclerc © LaPresse

Niente aggiornamenti importanti per la Ferrari a Miami, con il primo consistente pacchetto di sviluppi che sarà portato in pista a Barcellona. Per la gara di domenica però a Maranello preparano una doppia novità. La prima è già stata anticipata da Binotto e riguarda l’alettone posteriore: si tratta di un’ala molto più scarica, pensata per i tracciati ad alta velocità, proprio come quello di Miami.

Ma non è finita qui perché in Ferrari sono pronti ad una prima volta assoluta in stagione. Dopo che è terminato il settimo long run al banco prova, senza alcun problema, la power unit 066/7 è pronta a sprigionare tutta la sua potenza.

Così a Miami i motori a disposizione di Lerclerc e Sainz potranno essere impostati sulla mappatura più spinta e quindi garantire la massima potenza anche grazie alla nuova parte ibrida che esordirà proprio nel GP di Miami. La Ferrari ha quindi pronte le contromosse per contrastare la Red Bull, uscita vincitrice da Imola. Per Miami a Maranello sperano che la storia sia completamente diversa.