“Quartararo come Valentino Rossi”: il manager svela cosa li accomuna

Quartararo paragonato a Valentino Rossi, Lorenzo e Marquez: parla Jarvis, managing director della Yamaha.

Non ci sono dubbi sul fatto che Fabio Quartararo sia uno dei migliori piloti della MotoGP. Non ha vinto per caso il titolo nel 2021 e non è l’attuale leader della classifica grazie alla fortuna. Dispone di un grande talento ed è fortissimo alla guida.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Ansa Foto)

In Yamaha riesce a fare una grande differenza sugli altri rider. Solamente lui è in grado di vincere e, in generale, di ottenere risultati importanti in sella alla M1. Colleghi di marca come Franco Morbidelli e Andrea Dovizioso non sono certamente scarsi, ma non riescono a guidare la moto come lui e arrivano sempre molto lontani al traguardo.

La casa di Iwata vuole tenerselo stretto il francese, che ha un contratto che scade a fine 2022 e pretende garanzie tecniche per rinnovare. Si aspetta miglioramenti già nel corso di questo campionato e anche rassicurazioni concrete per il futuro.

MotoGP, Jarvis esalta Quartararo: paragone con altri fenomeni

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo in pista con la Yamaha M1 (Ansa Foto)

Lin Jarvis in un’intervista concessa a Motorsport.com ha risposto sul fatto che Quartararo possa essere paragonato ad altri fenomeni della storia della MotoGP: “Certamente ha quel talento naturale incredibile che hanno i campioni. Un vero campione ha sempre quella scintilla o quella capacità in più. Lo si può dire sia di Rossi che di Lorenzo, Marquez e Stoner. Anche Fabio fa parte di questo gruppo”.

Il managing director della Yamaha non ha dubbi sul fatto che il francese possa essere accostati a pluricampioni del calibro di Valentino Rossi, Casey Stoner, Jorge Lorenzo e Marc Marquez. Proprio perché crede nel suo valore, la casa di Iwata punta a blindarlo con un nuovo contratto biennale.

Jarvis ribadisce in modo chiaro le intenzioni della Yamaha: “Spero davvero che resti con noi. Se riusciremo a dargli un pacchetto migliore, penso possa vincere altri titoli”.

Quartararo già per il Gran Premio d’Italia al Mugello dovrebbe ricevere aggiornamenti importanti per l’aerodinamica della sua M1. Novità che dovrebbero aiutarlo ad essere più veloce in rettilineo, dove la moto giapponese soffre tantissimo.

Yamaha sta lavorando sodo per dimostrare al pilota di Nizza che può accontentarlo e migliorare concretamente il prototipo che guida. Jarvis stesso ha ammesso che il team si è scusato con lui per non averlo messo nelle migliori condizioni tecniche a inizio campionato, però l’obiettivo è di crescere per il futuro.