Marcelo, un’Auto iconica… sempre con sé: il motivo è toccante

L’ormai ex Real Madrid Marcelo ha un rapporto davvero speciale con un’Auto iconica. Il motivo per cui ce l’ha è davvero toccante.

Dopo 15 anni di vittorie conquistate insieme sul campo, le strade del Real Madrid e di Marcelo si sono separate. L’addio è avvenuto nei giorni scorsi in una conferenza stampa in cui il terzino brasiliano non è riuscito a trattenere le lacrime.

Marcelo
Marcelo (Ansa Foto)

L’ormai ex bandiera dei Blancos è stata una fondamentale risorsa per il club grazie al suo prezioso contributo in campo e negli spogliatoi. Peraltro, dopo la partenza di Sergio Ramos nell’estate scorsa, è diventato il primo capitano straniero del Real dopo 117 anni. E quest’anno, sebbene non abbia avuto molte occasioni di indossarla avendo giocato poco, con la sua esperienza e il suo supporto, si è rivelato uno degli uomini chiave per le vittorie di Liga e Champions League.

Insomma, negli anni, Marcelo si è imposto come uno dei giocatori più vincenti di sempre, nonché il più titolato della storia delle Merengues con 25 trofei conquistati. Ma il suo percorso, come spesso accade, è fatta di impegno e sacrifici, anche della sua famiglia che lo ha aiutato a diventare un calciatore professionista. E dei suoi cari non si è mai dimenticato, soprattutto del nonno, a cui ha dedicato uno speciale tatuaggio a tema… motori.

Marcelo, il retroscena dietro il tatuaggio a tema motori

Marcelo
(Foto: LaPresse)

Ebbene sì, perché Marcelo, che ha il corpo pressoché intero ricoperto da tatuaggi, ha trovato lo spazio sul braccio destro per farsi tatuare un Maggiolino Volkswagen, l’iconico modello della Casa di Wolfsburg che ha segnato un’intera epoca di automobilismo arrivando fino ai giorni nostri dopo 81 anni di onorata carriera.

Ma la ragione per cui ce l’ha non è questa e, per l’appunto, c’entra suo nonno che, come ha raccontato lui stesso in un’intervista passata al quotidiano tedesco Bild, “è stato quello che ha sempre creduto in me e mi ha guidato ovunque“. Da qui, la decisione di tatuarsi l’Auto con cui lo portava al campo. “Ha fatto il possibile e l’impossibile per vedermi giocare a calcio e diventare professionista – ha affermato –. E il mio tatuaggio mostra la sua macchina con cui mi ha sempre accompagnato agli allenamenti e alle partite“.

Adesso, però, Marcelo dovrà prendere un altro tipo di decisione, quella che gli permetterà di proseguire la sua gloriosa carriera di calciatore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marcelo Vieira (@marcelotwelve)