Lewis Hamilton conferma tutto: “Ci avevo pensato”

Hamilton torna a parlare di come si è sentito in occasione del chiacchierato GP di Abu Dhabi 2021, un vero incubo per lui.

Delusione e rabbia sono i sentimenti che ha provato Lewis Hamilton dopo la gara disputata a Yas Marina nel dicembre 2021. Il campionato di Formula 1 sembrava ormai indirizzato verso il suo ottavo trionfo iridato, quando le decisioni dell’allora race director Michael Masi lo hanno danneggiato e hanno favorito la vittoria di Max Verstappen.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Ansa)

Il finale di quel Gran Premio di Abu Dhabi rimarrà ancora oggetto di discussioni probabilmente, però la FIA stessa ha constatato che la procedura per lo sdoppiamento dei piloti doppiati in regime di Safety Car non è stata quella corretta. Quella corsa avrebbe dovuto terminare con le macchine accodate dietro la SC, perché non c’era il tempo di far ripartire la gara normalmente.

Il sette volte campione del mondo di F1 si è sentito derubato quel giorno e si sente così tuttora. Anche il team Mercedes prova lo stesso sentimento, ovviamente. A distanza di mesi pure dalla Red Bull è arrivata l’ammissione che Masi in quel finale di GP commise un errore. Ma ormai nessuno può restituire più al driver inglese e alla sua squadra quanto gli è stato tolto.

F1, Hamilton racconta Abu Dhabi 2021

Hamilton in un’intervista concessa a Vanity Fair è tornato a parlare di come si è sentito nel finale dello scorso GP di Abu Dhabi: “Quando ho visto come si stavano sviluppando le cose, le mie paure hanno iniziato a concretizzarsi. Ho pensato ‘Non è possibile che mi freghino, non può accadere’. Non so se riesco a esprimere ciò che ho provato allora. Ero incredulo”.

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Lewis ha avvertito che lo stavano fregando e non si capacitava di quella situazione. Dopo il taglio del traguardo e l’arrivo al parco chiuso è stato tutto difficilissimo per lui: “Volevo slacciarmi le cinture e andare via. Dovevo trovare la forza per uscire da quella cosa, ma ero senza forze. È stato uno dei momenti più complicati da molto tempo a questa parte. Sapevo cos’era successo e perché erano state prese certe decisioni”.

La Mercedes aveva esposto dei reclami nell’immediato post-gara, però sono stati respinti. Aveva anche valutato un ricorso alla Corte d’Appello della FIA, ma poi ha rinunciato. Comunque quanto successo a Yas Marina è servito per cambiare alcune regole e cercare di rendere migliore la F1.

Lewis ha comunque ammesso che l’esito di quella corsa gli aveva fatto venire in mente l’idea del ritiro: “Avevo valutato se continuare o meno la mia carriera”. Per diverse settimane si è chiuso in un silenzio che comunque ha fatto rumore e ha spinto molti a pensare che pensasse veramente a smettere con la Formula 1, poi invece ha regolarmente rispettato il contratto con la Mercedes ed è tornato in pista.