Ecco la prova della Ducati Diavel 1260 S: “Selvaggia”

16
Ecco la prova della Ducati Diavel 1260 S: "Selvaggia"
Ecco la prova della nuova Ducati Diavel 1260 S: “Selvaggia” (Foto: RobbReport)

Ecco la prova della nuova Ducati Diavel 1260 S: “Selvaggia”. Scopriamola insieme.

Fortunatamente, motociclette come quella del test che vi presentiamo oggi, la Ducati Diavel 1260 S., sono ancora in fase di produzione: un colpo di ingegnosità, una scommessa un po ‘rischiosa, per una moto che rompe schemi e trasmette sensazioni diaboliche.

La Ducati Diavel è ancora un punto a parte. Una moto difficile da inquadrare. Di concezione originale e aspetto spettacolare.

Personalizzata? No, è vietato chiamarla personalizzata, poiché in Ducati chiariscono che la loro posizione di guida non corrisponde a questo stile di moto nonostante il fatto che la versione X, con i piedi più avanzati, possa entrare in questa categoria.

Moto muscolare? Ecco i colpi. Per il suo aspetto, è una muscle bike, ma alla casa di Borgo Panigale piace definire la Diavel come un incrocio derivante dalla fusione della loro moto superbike e del suo mitico Monster.

Il design futuristico sembra ispirato a una motocicletta dei supereroi dei fumetti, e in effetti ne dà l’impressione anche provandola su strada.

Indipendentemente dalla sua possibile classificazione o etichetta, Diavel è il risultato della politica di successo che Ducati ha iniziato ad applicare nel decennio precedente, diversificandosi e crescendo per entrare in altri segmenti.
Per andare avanti non potevano continuare a offrire solo il loro monster di successo e le loro sportive. Avevano bisogno di qualcos’altro per raggiungere i dati sulle vendite che sono attualmente raggiunti e, per questo, con buon senso, hanno optato per la loro “Multistrada” e anche per questa Diavel.

Nuova Ducati Diavel 1260 S
Nuova Ducati Diavel 1260 S (Foto: Overdrive)

Una motocicletta che è senza dubbio molto esclusiva, sia nel concetto che nel prezzo, ma ha guadagnato spazio e rispetto.

Ducati Diavel 1260 S: Miglioramenti

Uno degli aspetti da migliorare rispetto alla versione precedente era la sospensione posteriore, che era troppo rigida. Ora funziona meglio, specialmente nella versione S.

Su un percorso molto accidentato, questa terza versione della Diavel ha dimostrato che, nonostante la sua geometria e il suo enorme pneumatico posteriore da 240 “- che richiede un certo sforzo e anticipazione in curva – è relativamente agile. Con un profilo più arrotondato, guadagna in gestibilità.

Ha una frenata eccellente e, dalla sua curiosa posizione di guida, è un piacere governare questa nave da 160 CV che ora guadagna coppia a media velocità.

Il bicilindrico e le sue diverse modalità di guida sanno come combinare la sensazione di potenza e, in un certo senso, l’aggressività, con una zona centrale molto piacevole.

Ha un buon tatto a media velocità, una risposta precisa dalla manopola del gas, muscoli su tutta la gamma e risposta cattiva se stai sui 10.000 rpm.

La posizione di guida è molto originale, perché da un lato ha la sella bassa e dall’altro il manubrio è largo e profondo. I poggiapiedi non sono eccessivamente avanzati e la sensazione è che si sia ben integrati in una moto caratterizzata da un’estetica ampia e ricca di dettagli.

Le luci di marcia diurna – sono di serie in entrambe le versioni, mentre il cambio con shift rapido, che abbiamo avuto l’opportunità di provare nella versione S, è opzionale e non di base, così come il sistema di connessione dello smartphone tramite Bluetooth (sistema multimediale Ducati).

In breve, questa è una due ruote per le minoranze che possono permettersela e che sono attratte da una moto diversa, che dà molte sensazioni e il cui aspetto estetico, come il suo comportamento, è davvero diabolico …

Ducati Diavel 1260 S: caratteristiche

L’elica montata sulla nuova Diavel corrisponde alla Testastretta DVT 1262 della versione Diavel X, che incorpora un’elettronica molto completa.

Esistono tre modalità di guida (Sport, Touring, Urban) e Bosch IMU (unità di misurazione inerziale). Abbiamo anche ABS in curva, controllo della trazione, controllo della velocità di crociera e controllo dell’impennata.

Un’altra novità è il suo sistema di scarico con un silenziatore ridisegnato (più corto). Il telaio mantiene la sua struttura in acciaio multitubolare, ma è più piccolo e, d’altra parte, il forcellone monobraccio è più lungo.

Con il motore “spostato”, la bici è ancora più lunga e, in termini di geometrie, ha meno lancio e avanzamento.

Nella sospensione posteriore, l’ammortizzatore mono è stato riposizionato con le bielle sopra il forcellone. La forcella è multi-regolabile nella versione base e la S monta un Öhlins con barre da 48 mm, oltre a un monoammortizzatore della stessa marca. L’angolo è stato chiuso, poiché diventa 27º (prima di 28º).

Infine, dischi da 320 mm equipaggiati con pinze freno Brembo M4.32 alla base e M50 in versione S.

Ecco la prova della Ducati Diavel 1260 S: scheda tecnica

Tipo di motore: 2 cil. V90º 4T LC 8V Desmo

Alesaggio x corsa: 106 x 71,5 mm

Spostamento: 1.262 c.c.

Potenza massima: 159 CV a 9.500 giri / min

Coppia massima: 129 Nm a 7.500 giri / min

Rapporto di compressione: 12,6: 1

Potenza: iniezione elettronica Bosch

Maiusc: 6 velocità

Frizione: multidisco in olio con torretta anti-torretta

Trasmissione secondaria: catena di guarnizioni

Tipo di telaio: Multitubolare in acciaio

Geometria della direzione: 27º / 120mm

Forcellone: ​​braccio mono in alluminio

Sospensione anteriore: forcella rovesciata Öhlins 48/120 mm

Sospensione posteriore: monoammortizzatore Öhlins regolabile in 3 vie 130 mm

Freno anteriore: 2 dischi pinze Brembo M50 radiali da 320 mm, curve in ABS

Freno posteriore: doppio pistoncino pinza Brembo da 265 mm

Pneumatici: 120/70 x 17 e 240/40 x 17

Lunghezza totale: N.d.

Altezza massima: N.d.

Larghezza massima: N.d.

Distanza assi: 1.600 mm

Altezza seduta: 780 mm

Peso-riempimento-: 244 kg

Serbatoio: 17 litri

Consumo medio: 5,4 l

Autonomia teorica: 314 km

Garanzia ufficiale: 2 anni