Multe, in Europa ammontano a 410 milioni nel 2019: Italia al primo posto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:50

Le multe per l’anno 2019 in Europa ammontano ad un totale di 410 milioni di euro circa e l’Italia è il paese al primo posto della classifica per il maggior numero

Le sanzioni della strada inflitte lo scorso anno in Europa ammontano a circa 410 milioni di euro. A mettere in mostra il dato è uno studio dell’Osservatorio di Federprivacy in cui sono state analizzate le attività istituzionali, riguardo alla materia di privacy, svolte nei 30 Paesi dello Spazio Economico Europeo.

I motivi delle sanzioni per il 44% sono dovuti al trattamento illecito di dati. Segue al 18% il riscontro da parte dei contravventori di insufficienti misure di sicurezza. Ancora, al 13% il mancato rispetto dei diritti degli interessati. Con il 9% ci sono l’omessa o inidonea informativa e gli incidenti informatici (data beach).

LEGGI ANCHE—> Le patenti di guida dal 2020 costeranno il 22% di più, ecco il perché

Multe: Italia al primo posto, Regno Unito il più severo

Il maggior numero di multe sono state erogate in Italia, sono infatti 30 i provvedimenti presi dalle autorità per un totale di 4.341.990 euro. Seguono la Spagna con 28 sanzioni e la Romania con 20.

Le autorità più severe invece provengono dal Regno Unito, dove sono state erogate poche sanzioni ma molto esose. Si parla si 312 milioni di euro, ovvero il 76% del totale preso in esame dallo studio.

Tra le nazioni che non hanno ancora irrogato sanzioni dopo l’entrata in vigore del regolamento generale sulla protezione dei dati ci sono Irlanda e Lussemburgo. In Italia invece, nonostante si attende di rinnovare il collegio scaduto dal 19 giugno scorso, le autorità hanno continuato a svolgere le attività ispettive. Infatti, già al termine del primo semestre del 2019, si era proceduto all’iscrizione di 779 contravventori ed una riscossione di 11 milioni di euro al termine dei procedimenti sanzionatori.

Multe
Multe

LEGGI ANCHE—> Assurdo e surreale incidente tra Polizia e Carabinieri, ecco la storia