Fermo Amministrativo: Come comportarsi quando riguarda la nostra auto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20
59

Il fermo amministrativo è un atto preposto dall’amministrazione pubblica/enti con il quale viene bloccato un bene mobile registrato nel tentativo di recuperare una somma dovuta.

Fermo Amministrativo
Fermo Amministrativo: Come comportarsi quando riguarda la nostra auto (Foto: Youtube)

Fermo Amministrativo: In sintesi è un mezzo di riscossione introdotto dal D.P.R. 602/73 che agisce sui beni mobili registrati, quindi non solo automobili ma mezzi di ogni tipologia.

Fino al momento del saldo (eccetto ricorsi di rito) il bene oggetto della disputa non può:
-Circolare
-Essere Rottamato, esportato o radiato dal PRA
-Si ha l’obbligo di custodia del bene in luogo protetti (ad esempio garage)

Può essere venduto, tenendo sempre a mente che per il nuovo proprietario saranno applicati gli stessi limiti di utilizzo.

Qualora il proprietario del bene non rispettasse il fermo, i rischi sono la confisca del mezzo e una sanzione pecuniaria fino a € 3.111, e nel caso il debito non venga saldato il mezzo può essere pignorato e messo in vendita.

Il fermo amministrativo viene notificato al proprietario del bene attraverso una cartella esattoriale, nella quale è elencato l’importo dovuto.

Dal ricevimento della cartella si hanno 60 giorni nei quali si può procedere al pagamento oppure chiedere eventuali rateizzazioni o procedere con eventuali ricorsi che possano portare la sospensione dell’importo richiesto.

Trascorsi i 60 giorni se non è stata fatta alcuna azione, l’agente delegato alla riscossione può procedere al recupero forzoso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Multe autovelox, ecco come evitarle: consigli utili

Oltre al saldo del debito, le azioni per tutelarsi che il proprietario del bene può fare sono molteplici.

Fermo Amministrativo
PRA (Foto: Youtube)

Si può richiedere ad esempio la rateizzazione dell’importo, tale azione blocca ogni azione esecutiva sul bene, qualora il fermo sia già esistente dopo il pagamento della prima rata si può richiedere la sospensione del fermo.

Se trattasi di bene strumentale si può fare istanza di annullamento, presentando tutti i documenti richiesti, nella stessa misura si può richiedere l’annullamento del fermo qualora il bene sia destinato all’uso di una persona portatrice di handicap.

Qualora il debito venga contestato da parte del proprietario del bene oggetto della disputa, si può richiedere la sospensione della riscossione, ovviamente la domanda dovrà essere accompagnata da tutta la documentazione richiesta, e qualora il fermo sia stato iscritto erroneamente si potrà ottenere la cancellazione gratuita al PRA.

Il fermo amministrativo per alcune violazioni è contemplato anche dal codice della strada come sanzione accessoria, è disposto in automatico quando viene applicata ad esempio la sanzione accessoria della sospensione della patente, a meno che il veicolo non appartenga a terzi che risultino realmente estranei alla vicenda.

Il fermo è un provvedimento che risulta iscritto nel PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

Il PRA ha l’obbligo di registrare tutte le vicende relative alla vita dell’auto.

Per verificare l’esistenza o meno di un fermo su una vettura basta una semplice visura, e tale visura può essere richiesta da chiunque.

Nel caso di acquisto di auto usata è buona norma richiedere la visura, poiché l’esistenza di un fermo antecedente alla vendita mantiene comunque i suoi effetti anche con il nuovo proprietario.

Qualora ci accorgessimo solo successivamente all’acquisto dell’esistenza di un fermo, bisognerà rispettare le stesse regole precedentemente descritte, non potrà circolare, dovrà essere custodito, fino a che il precedente proprietario non abbia saldato il dovuto, oppure agire legalmente contro il venditore per l’annullamento della vendita.

Per cancellare il fermo amministrativo una volta saldato il debito o vinto l’eventuale ricorso il proprietario del bene dovrà presentare alla Direzione Provinciale ACI i seguenti documenti:
-Provvedimento di revoca in originale
-Certificato di proprietà del bene
-Il Modello NP-3
-Documento di identità valido

Se la richiesta risulterà corretta in tutte le sue parti verrà cancellato il fermo amministrativo e rilasciato un nuovo certificato di proprietà digitale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE… Air Force Renzi, addio all’aereo presidenziale da 170 milioni di euro