Robert Kubica dà poche chance a Ferrari e Vettel, questione… di volontà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55
81

Il pilota polacco Robert Kubica dichiara a Sky Sport che la Mercedes è ancora troppo avanti e la volontà di Vettel con la Ferrari non basta.

Robert Kubica Ferrari
(Getty Images)

Recentemente, Robert Kubica ha rilasciato un’intervista a Sky Sport, durante il quale ha detto che la volontà di Vettel non basta. La Mercedes è ancora troppo avanti alla Ferrari. “Non ci sono dubbi sulle sue capacità e sulla sua volontà. Ma a volte la volontà non basta. La Mercedes e Hamilton continuano a dominare e penso che se la stagione fosse partita, staremmo qua a commentare le loro vittorie. Dopo lo stop, non sarà facile per nessuno ripartire, ma battere la coppia Mercedes-Hamilton sarà davvero dura”.

Queste le parole del pilota polacco che nel 2012 è stato vicino al passaggio alla Ferrari, quando Domenicali lo voleva al fianco di Alonso per sfidare la Red Bull. Poi l’incidente durante una gara di rally e la trattativa saltò, con la scuderia italiana che confermò Felipe Massa per quell’anno.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Formula 1 2020, la nuova ipotesi per il calendario

Robert Kubica e il sorpasso sulla Ferrari di Massa

Robert Kubica Ferrari
(Getty Images)

A Robert Kubica è stato poi chiesto da Sky Sport quale fosse il più bel sorpasso effettuato: “Sicuramente quello con Felipe Massa al Fuji nel 2007, dove in almeno quattro-cinque curve ci siamo dati delle grandi sportellate. Erano gli ultimi giri, ma lui si era appena fermato a cambiare le gomme, mentre io le avevo usurate e mancavano pochi giri al termine della gara. Oggi ci avrebbero sanzionato pesantemente. Mi girarono le scatole, perché lui sfruttò l’intera via di fuga”.

Poi ricorda anche l’episodio che stava per diventare il più umiliante da lui subito: “Ad Abu Dhabi, l’ultima gara del 2019, Giovinazzi mi stava per passare all’esterno, ma una delle prime cose che insegnano a non subire sorpassi del genere. Lui ha tentato e ci siamo toccati”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Formula 1 in crisi: stop allo sviluppo delle power unit?