Una Porsche GT3 RS rara distrutta negli scontri per George Floyd – Video

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08
51

La Porsche GT3 RS è una delle supercar più rare ed è finita completamente distrutta durante gli scontri di Los Angeles in protesta della morte di George Floyd.

Porsche
Foto da Youtube

Sono giorni estremamente difficili quelli che si trova a vivere l’America, scossa dalla morte di George Floyd, il 46enne afroamericano ucciso durante un fermo di polizia a Minneapolis lo scorso 25 maggio. L’ondata di indignazione da parte di chi ritiene il modo di agire del poliziotto Derek Chauvin come un atto di razzismo non accenna a fermarsi. E non mancano le critiche mosse nei confronti del presidente USA Donald Trump che, a detta di molti, avrebbe dovuto prendere una posizione ben più dura.

Nello scorso fine settimana non sono mancate le manifestazioni di protesta, a cui hanno parte in tantissimi. Davvero elevata la partecipazione alla sollevazione organizzata a Los Angeles, dove però in alcuni momenti si è andati ben oltre il consentito. A farne le spese è stata infatti una rara Porsche 911 (997) GT3 RS, che è finita pressoché distrutta come appare da un video ripreso dallo Youtuber Effspot.

Potrebbe interessarti – Ducati e Porsche visite virtuali ai musei: come effettuarle online

La brutta fine della Porsche – Quando la protesta supera il lecito

Manifestare il proprio sdegno per la tragica fine di George Floyd non dovrebbe però comportare avere atteggiamenti al di sopra delle righe, che finiscono per danneggiare chi non ha alcuna responsabilità nella tragedia. E invece è quello che è accaduto al proprietario di questa Porsche.

Al minuto 27.45 del filmato è possibile così scorgere in modo evidente cosa sia accaduto a una delle supercar più amate. La 911 (997) GT3 RS è stata infatti letteralmente distrutta, con danni evidenti alla carrozzeria, scritte a bomboletta, vetri rotti e interni praticamente bruciati. Resta ancora da capire come mai l’auto si trovasse lì, ma al momento l’ipotesi più probabile è che l’automobilista stesse semplicemente circondando in quel tratto di strada e si sia poi imbattuto nei manifestanti. Non è escluso che alcuni di loro abbiano deciso di colpire volontariamente la vettura: la Porsche, infatti, è ritenuta un simbolo del capitalismo e della ricchezza. Una delle persone ritratte nel video ha notato inoltre la sparizione delle chiavi: non è escluso che chi abbia provocato tutto questo abbia deciso di impossessarsene. Non si sa se il reale intestatario sia in possesso di un’assicurazione che lo protegga contro gli atti vandalici: la GT3 RS 997.1 non è solo un mezzo di valore, ma anche raro.

Potrebbe interessarti – Porsche, accelerazione in retromarcia e auto distrutta: il video dalla Cina