Leclerc non ci sta: critiche a Codemasters per i punteggi in F1 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15

Charles Leclerc non è convinto dei punteggi che Codemasters ha associato ai piloti nel videogame F1 2020. Il driver Ferrari ritiene alcuni non corretti.

Charles Leclerc
Charles Leclerc sarà grande protagonista in Formula 1 nel 2020 (Getty Images)

Durante la pausa del campionato di Formula 1 abbiamo visto più piloti alle prese con le gare virtuali, pronti a darsi battaglia in attesa di poterlo fare in pista. Tra questi anche Charles Leclerc.

Il giovane talento della Ferrari è un appassionato di gare automobilistiche e recentemente ha preso parte anche alla 24 Ore di Le Mans virtuale. Il 10 luglio uscirà ufficialmente F1 2020, titolo molto atteso e che sta già facendo discutere. Anche lo stesso Leclerc.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> F1, la Ferrari porterà aggiornamenti in Austria: novità su motore e cambio

F1 2020, Leclerc contesta i ratings dei piloti

F1 2020, i valori di Leclerc e Vettel
F1 2020, i valori di Leclerc e Vettel

Tra le novità di Formula 1 2020 c’è il punteggio associato a ciascun pilota seguendo quattro parametri: esperienza, abilità nei sorpassi, controllo e velocità. Il migliore di tutti è Lewis Hamilton con 94, seguito da Valtteri Bottas e Max Verstappen con 90. Quarto Sebastian Vettel con 89, davanti a Leclerc con 86.

Il driver monegasco della Ferrari, durante una diretta sul suo canale ufficiale Twitch, ha contestato i ratings dati dall’azienda sviluppatrice Codemasters: «Ho visto alcune valutazioni e per me non sono appropriate. Ad esempio, penso che Russell abbia avuto un punteggio basso, nonostante sia veloce. Se lo metti su una buona macchina, è veloce quanto i migliori».

Charles non ha citato il proprio caso, ma quello di George Russell. Il pilota della Williams è terzultimo con una valutazione di 75 punti. Dietro di lui ci sono solamente Antonio Giovinazzi (73) e il suo compagno Nicolas Latifi (64).

Comunque da Codemasters hanno fatto sapere che i punteggi indicati non saranno definitivi. Cambieranno dopo ogni gran premio in base alle prestazioni e ai risultati ottenuti da ciascuno dei piloti, come succede su FIFA.

LEGGI ANCHE >>> F1, Verstappen spavaldo: “Posso vincere tutti i GP”, Hamilton avvisato